Citroën, novità e restyling per puntare al rilancio

C3 rivista, nuova DS3 cabrio e Technospace sono le punte di diamante della proposta transalpina. Double Chevron in affanno, ma…chi si ferma è perduto

La Technospace, concept di monovolume presentato in anteprima al Salone di Ginevra, prefigura le prossime monovolume medie della casa del Double Chevron (© Foto Giacomo Rauli/THE HORSEMOON POST 2013)
La Technospace, concept di monovolume presentato in anteprima al Salone di Ginevra, prefigura le prossime monovolume medie della casa del Double Chevron (© Foto Giacomo Rauli/THE HORSEMOON POST 2013)

Nonostante le difficoltà degli ultimi mesi riscontrate nei dati delle vendite, Citroën si è presentata all’ottantatreesima edizione del Salone di Ginevra con tante novità e la convinzione di poter superare la momentanea impasse con nuovi prodotti e l’adeguamento della gamma esistente.

La Casa francese ha così puntato a rinfrescare i modelli che hanno riscosso buon successo, come la C3, ritoccata nella calandra e facendole così riacquistare grinta e quel pizzico di sportività che non guasta mai. Il nuovo design ha inoltre lo scopo di rendere appetibile il modello a un pubblico più vasto, che va dal giovane a un automobilista più più maturo, risultando più eterogenea rispetto al restyling precedente. Leggeri ritocchi anche sulla zona posteriore, con gruppi ottici più squadrati e armonici, inseriti nel portellone che li ospita.

Se le dimensioni del veicolo non hanno subito alcuna variazione, la motorizzazione della piccola francese si arricchirà del nuovo 1.0 tre cilindri a benzina da 68 CV, che affianca il 1.2 82 CV con lo stesso frazionamento, già lanciato nei mesi scorsi sull’attuale modello. La casa dichiara valori di consumo e di emissioni del “mille” interessanti sul ciclo combinato, 4,3 lt/100 km e 99 g/km di CO2. La gamma diesel comprende il 1.4 HDi da 70 CV e le tre motorizzazioni micro-ibride e-HDi (1.4 70 CV, da 87 g/km di CO2, 1.6 90 CV e 1.6 115 CV). La nuova C3 sarà nelle concessionarie già nel mese di aprile.

(La C3 ha subito un profondo restyling della calandra, ora più dinamica © Foto Giacomo Rauli/THE HORSEMOON POST 2013)
(La C3 ha subito un profondo restyling della calandra, ora più dinamica © Foto Giacomo Rauli/THE HORSEMOON POST 2013)

Oltre alla nuova versione della C3, Citroën ha presentato due ulteriori versioni della vettura che è dretta concorrente della Mini, ovvero la DS3 Cabrio e la DS3 Cabrio ‘l’Uomo Vogue’. La piccola berlina francese è stata dunque dotata di una cappotta in tela che scorre su scivoli permanenti posti sui montanti anteriori, centrali e posteriori, per poi terminare la sua corsa pochi centimetri sopra la base superiore del portellone posteriore. La capote, dunque, non sarà a scomparsa, ma la soluzione adottata riecheggia quelle in auge negli anni ’60, conferendo alla vettura un carattere ancora più personale e più attraente per le fasce più giovani della clientela del brand francese del gruppo PSA. La “Uomo Vogue” Cabrio si distingue dalla sorella per le soluzioni cromatiche particolarmente aggressive. Il colore nero opaco della carrozzeria, abbinato alla cappottina in tessuto del medesimo colore (ma lucido), è un tratto appetibile a una clientela in prevalenza maschile, così come suggerisce la denominazione della versione speciale presentata a Ginevra.

La novità più importante in proiezione futura portata da Citroen alla kermesse elvetica è però senza dubbio il concept ‘Technospace’, un monovolume dalle forme interessanti, preludio e anteprima del design futuro dei prossimi modelli della casa del Doppio Chevron: diremmo la C4 Picasso prossima ventura. Interessante la soluzione riguardante i montanti del parabrezza, raddoppiati e quindi snelliti, in modo tale da poter permettere al conducente una miglior visibilità durante il viaggio e agli incroci. Citroën si conferma all’avanguardia anche per quanto riguarda i sistemi di sicurezza. Così come sulla nuova Volkswagen Golf Variant, anche sulla ‘Technospace’ son stati posti sensori di parcheggio sui passaruota anteriori, in modo tale da aumentare la cognizione di posizionamento del veicolo nelle manovre di parcheggio. Significativa inoltre la scelta di una bassa soglia di carico del baule, un particolare molto apprezzato da chi viaggia molto e suole caricare grandi o pesanti volumi sulla vettura.

Citroën dunque si affida a nuovi modelli e alla modernizzazione della gamma esistente, puntando su soluzioni cromatiche innovative e accattivanti, insieme all’adozione di tecnologie all’avanguardia per facilitare l’utilizzo del mezzo e per implementare i sistemi di sicurezza attiva e passiva. La strada mostrata a Ginevra mostra che in Citroën si crede nel rilancio del marchio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

@GiacomoRauli

Giacomo Rauli

Studio comunicazione, ho la passione delle auto in ogni forma e maniera. Il mio interesse per il giornalismo mi dà la possibilità di occuparmene. Su THE HORSEMOON POST scrivo di F1, Mondiale Rally e automobili, in fondo è un modo diverso per continuare a giocare con le macchinine...

Shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: