A Shanghai Massa è un pilota finito: in prima posizione, per ora… Ferrari in grande spolvero nelle libere 2 del GP di Cina

Räikkönen si mette in mezzo alle due F138 e le Mercedes arretrano il passo, McLaren in recupero, Vettel si nasconde e le Force India confermano di essere tra i protagonisti del 2013

GP CINA F1/2013

Felipe Massa ha realizzato questa mattina (ora italiana) il miglior tempo nella seconda sessione di prove libere del Gran Premio della Cina, sul circuito di Shanghai. Alle spalle del brasiliano della Ferrari si è piazzato Kimi Räikkönen, con la prima Lotus-Renault, e Fernando Alonso con la seconda monoposto del Cavallino Rampante.

Quarta posizione per Nico Rosberg (Mercede), dominatore della prima sessione, seguito da Mark Webber (Red Bull), il primo a montare le gomme più morbide per tentare di individuare un compromesso del bilanciamento che possa dare consistenza al giro secco. Le monoposto di Newey sembrano in leggera difficoltà sul tracciato cinese. Al contrario, le due Mercedes di Rosberg e Hamilton avevano iniziato il secondo turno con lo stesso passo della sessione precedente, ma appunto Webber ha superato tutti dopo circa 20 minuti.

Sesto tempo per Jenson Button, sulla recalcitrante McLaren MP4-28, seguito dalla seconda Mercedes di Lewis Hamilton e dalle due Force India di Adrian Sutil e Paul di Resta. Solo decimo tempo per Sebastian Vettel, sulla seconda Red Bull, che ha meravigliato molti osservatori per le dichiarazioni sprezzanti e presuntuose dette alla vigilia delle prove. Sotto il profilo strategico, la mossa di Vettel è stupida, tranne che non voglia spingere sull’acceleratore della lite con il team, magari per raggiungere un team italiano che non è la Toro Rosso…

Il tempo di Massa ha impressionato, soprattutto se si tiene in considerazione il fatto che il pilota di San Paolo non ha manifestato piena soddisfazione nel set-up della monoposto, tanto da spingere il proprio ingegnere, Rob Smedley, a prenderlo un po’ in giro via radio: “è vero, il passo non è buono, è stratosferico!”.

Perez, undicesimo tempo, ha avuto un piccolo incidente all’ingresso della Pit Lane, mentre il compagno di squadra Button ha accusato un principio di incendio sul fondo della monoposto, causato dallo sfregamento per una gomma forata.

Ancora una bella figura di Jules Bianchi, sulla Marussia, a lungo undicesimo, poi sceso al diciannovesimo posto. Il suo compagno di squadra, Max Chilton, è stato bloccato da un problema alla pressione dell’olio, che ha fermato la monoposto in pista. Una volta recuperata, Chiton ha ripreso quasi alla fine della sessione, ma si ha dovuto accusare di nuovo problemi. Solo 5 giri per l’inglese alla fine.

Spettacolare uscita di strada, senza conseguenze, per Giedo van der Garde alla curva 1, con un incruento giro completo a 360°.

Domani, ultima sessione di libere alle 5 (ora italiana), poi qualifiche dalle 8. In televisione saranno entrambe trasmesse in diretta su Sky Sport F1, mentre la Rai irradierà il terzo turno di libere sul canale 57 RaiSport 1 e le qualifiche su Rai2.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 @johnhorsemoon

F1, GP della Cina – Prove Libere 2 f1-2013-ev3_1_fp2_neutral

Shares

John Horsemoon

Sono uno pseudonimo e seguo sempre il mio dominus, del quale ho tutti i pregi e i difetti. Sportivo e non tifoso, pilota praticante(si fa per dire...), sempre osservante del codice: i maligni e i detrattori sostengono che sono un “dissidente” sui limiti di velocità. Una volta lo ero, oggi non più. Correre in gara dà sensazioni meravigliose, farlo su strada aperta alla circolazione è al contrario una plateale testimonianza di imbecillità. Sul “mio” giornale scrivo di sport in generale, di automobilismo e di motorsport, ma in fondo continuo a giocare anche io con le macchinine come un bambino.

Shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: