Montezemolo ha detto:” Una Ferrari così non mi sta bene”

20130511-rosszone-head_2

Sfogo del Presidente della Ferrari dopo l’ultima delusione al GP d’Ungheria

1004780_478734672218545_1578092857_n

E dopo lo sfogo del Presidente della Ferrari Luca Cordero di Montezemolo, tiriamo un attimo le somme.

Il deludente weekend in Ungheria – con una Rossa per nulla competitiva – ha spinto Montezemolo a un richiamo effettuato con insolita ironia: nella consueta riunione di verifica “del lunedì”, ha omaggiato i presenti di un vero coltello. Un ricorso alla metafora – mettetevi sto coltello fra i denti – per indicare che cosa occorra fare: affrontare con grinta e determinazione il prosieguo della stagione.

Presupposti ottimi anche perché la Ferrari da troppo tempo ha sete di vittorie, che arrivano a singhiozzo con poca costanza. Risultati che non sono all’altezza del Cavallino Rampante, urge una svolta definitiva, vincente. Punto e a capo!

I media scrivono di una tirata di orecchie da parte del Presidente anche a Fernando Alonso per le sue dichiarazioni rese dopo la gara.

Ora, i “dietro le quinte” sono un conto e le storie si possono immaginare e magari scrutare, ma ciò che si può benissimo valutare è il dato di fatto, ciò che succede sotto gli occhi di tutti in pista. Chi ha competenza (e non) può rendersi conto del percorso della Ferrari. 

Senza entrare in polemica, inutile a mio avviso perché chi segue le gare si fa una propria opinione e senz’altro arriva a valutare l’errore clamoroso e oggettivo, fatta eccezione di qualcuno che non vuole vedere, il pilota Fernando Alonso c’è sempre stato o no?!

Spiego… il driver spagnolo da anni alla Ferrari è ancora con Bottino Grosso Vuoto. Mi ricordo quando ha indossato la divisa rossa, le aspettative di noi ferraristi erano grandi, grandissime. Rispondo alle polemiche in giro con un “caspita mi metto nei panni di Alonso!

Alonso è, a mio avviso, un pilota con la “P” maiuscola, che ha portato alla Ferrari un valore aggiunto di competitività, che poi è il canone che contraddistingue il grande marchio del Cavallino Rampante. Ha sempre tirato il massimo dalle monoposto e spesso è riuscito a inventarsi miracoli per portare dei risultati. Niente di nuovo, ma quanti errori non del pilota hanno vanificato i risultati?! Parliamo di signori errori!

Gli errori si sono ripetuti, ma è certo che prima o poi si arriverà a un punto di non ritorno e le tensioni inevitabilmente esploderanno!

I ferraristi e tutti gli appassionati aspettano di vedere una monoposto competitiva, che possa competere fra i team di testa.

Visto il vocio degli ultimi giorni, le indiscrezioni sull’andamento del mercato piloti e delle contrattazioni, una cortesia ci permettiamo di chiedere, da fan di Maranello: almeno un titolo mondiale di Fernando Alonso come pilota Ferrari, please!

ROSS

Shares

Rossella La Notte

Sono stata folgorata da un go-kart da bambina, da allora niente è stato uguale. Cresciuta come fissa spettatrice del “mio” rally del Gargano, ho coltivato l’interesse per le competizioni automobilistiche seguendo la stampa in ogni sua articolazione. Colpita ed affondata dal fascino della F1, ho coltivato la mia passione di scrivere come modo per fissare i ricordi e le forti emozioni vissute. Organizzo eventi sportivi, collaboro con l’Associazione Karting Milano e ho elaborato il progetto “Karting Giovani”, mirato ad avvicinare la scuola al mondo del karting. Ho collaborato con il campionato Formula 2000 Light. Su THE HORSEMOON POST curo una rubrica - Ross Zone – in cui mi occupo di Formula 1.

Shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: