Hamilton comanda nelle prime libere del GP d’Italia a Monza, ma Alonso è a ruota, poi Rosberg e Vettel

È iniziato il week-end dell’appuntamento italiano del mondiale di F1. Lavori diversi sulle due monoposto di Maranello. Massa nel finale è bloccato dal semaforo ai box, inchioda, spegne il motore, ma il tempo della sessione era finito. Fiducia alla Ferrari: si sorride. Debutto di James Calado in Force India come terzo pilota

20130906-F1-Ev11-fp1-Ham-780x470

 

Lewis Hamilton ha concluso in prima posizione la prima sessione di prove libere del GP d’Italia di Formula 1, che si correrrà domenica sul circuito di Monza. Il pilota della Mercedes ha abbandonato il solito attendismo della Mercedes durante le prime prove del week-end di un gran premio, provando l’efficacia della nuova configurazione aerodinamica scarica, studiata ad hoc per il circuito brianzolo. Al terzo posto il compagno di squadra, Nico Rosberg, staccato di 139 millesimi dal vertice dei tempi.

Secondo posto “virtuale” per Fernando Alonso (+0’’035), che ha messo a frutto il miglior tempo nel primo e nel secondo settore ma ha pagato una piccola indecisione in Parabolica toccando la parte sporca della pista. Una prestazione che soddisfa la Ferrari, perché nel team di Maranello si è deciso di svolgere prove aerodinamiche e di assetto diverse tra il pilota spagnolo e Felipe Massa. Il brasiliano alla fine del turno è rimasto bloccato dal semaforo rosso in pit lane e non ha potuto provare una partenza, facendo spegnere il motore della sua F138. Ma dalla Ferrari hanno tenuto a precisare che nessuna conseguenza si è registrata sulla monoposto.

La prima mezz’ora della sessione è stata molto calma, con solo quattro piloti a registrare un tempo. Sulla monoposto di Button – che con Perez erano stati i più veloci – si è a quel punto rilevato un problema al DRS che non si chiudeva, spingendo i commissari a investigare per uso vietato del sistema. Alla McLaren però risolvevano il problema e poco dopo il pilota britannico tornava in pista (alla fine 7° tempo).

Per la prima parte del turno tutti hanno usato le gomme hard (riconoscibili dalla banda arancione sulla spalla) e a quel punto Vettel staccava il miglior tempo con 1’25’’914, Räikkönen si avvicinava a soli 27 millesimi, ma dieci minuti dopo Alonso lo superava, portandosi in testa con il tempo di 1’25’’863. Primato che però durava solo cinque minuti, perché Hamilton lo superava, istallandosi in testa.

Räikkönen ha testato la monoposto con passo allungato di 10 centimetri, grazie a un nuovo disegno dei tiranti delle sospensioni anteriori e il quinto tempo sembra dare ragione al team, mentre Grosjean (12°) ha condotto prove comparative con la versione “ordinaria” della E21 motorizzata Renault. Solo 12° tempo per lo svizzero-francese.

In Force India debutto di James Calado come terzo pilota. Ventiquattro giri complessivi per il pilota britannico e il 17° tempo finale senza sbavature, con gradualità (il pilota è anche impegnato nella GP2). Spazio ai piloti di riserva anche in Caterham e Marussia: nel team malese Kovalainen ha guidato al posto di van der Garde, nel tentativo di recuperare un briciolo di competitività); nel team anglo-russo Gonzales ha girato al posto di Jules Bianchi, nel tentativo di recuperare un po’ di soldi (per dire…).

Molti lunghi incruenti alla Prima Variante: Hamilton, Calado, Grosjean e Hulkenberg. Alla Ascari invece Maldonado ha tagliato la curva, forse pensando al futuro di progettista di circuiti (sempre meglio pensare alla vita dopo lo sport…).

A 20 minuti dalla fine della sessione, Hülkemberg si è ritrovato con il cambio bloccato in terza marcia, riuscendo però a guadagnare la via dei box. Alla fine i team si sono dedicati a valutare il passo gara con gomme hard usate. Nel finale problemi per Massa, arrivato in fondo alla pit lane per provare una partenza alle spalle di Alonso, che stava facendo altrettanto. Il pilota di San Paolo è arrivato mentre nel semaforo si accendeva il rosso, così ha inchiodato per evitare di tamponare il suo compagno di squadra, spegnendo il motore, ma la sessione era ormai conclusa.

Dalle 14 alle 15.30 si replica per il secondo turno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

F1. Gran Premio d’Italia – Prove Libere 1

20130906-F1-Ev11-fp1-standing-neutral

separatore_redazione

L’analisi di Mario Isola per la Pirelli

2013_F1_EVENT12_GP_ITALIA1

Shares
Shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: