R.I.P.D. – Dall’aldilà con furore!

Grazie a un Jeff Bridges sopra le righe e a una storia classica e divertente si rinnova il genere fantasy di stampo umoristico!

1240316_10201296339084346_1145351266_n

Adattamento dell’omonimo fumetto di Peter M. Lenkov, pubblicato dalla Dark Horse Comics, R.I.P.D. narra le vicende dello sfortunato Nick Walker, il quale tradito e ucciso dal proprio collega di polizia si ritrova arruolato del Dipartimento Riposa in Pace; a fargli da mentore ci sarà il veterano Roy Powell, per niente incline ai regolamenti. Il motivo della morte di Walker, però, tornerà rabbiosamente in scena nelle indagini su pericolosi spiriti criminali che si nascondono tra i viventi.

Fin dalle prime immagini e dai primi trailer il sospetto che questo prodotto potesse portarsi dietro le troppe similitudini con Men In Black e, di conseguenza, annoiare il pubblico, c’era tutto; invece R.I.P.D. si rivela essere un buon film, puro intrattenimento (forse non per tutta la famiglia) che fa leva sulle eccezionali doti del suo cast e su una regia equilibrata per le scene dove prevale il ritmo da commedia ironica e perfettamente dosata in quelle dove è l’azione a prendere il sopravvento.

Dietro la macchina da presa un certo Robert Schwentke, artefice del successo del primo capitolo di RED, e che in questo genere di prodotti dimostra ancora una volta di sentirsi perfettamente a suo agio; richiama in servizio Mary Louise Parker (che migliora a ogni pellicola) e assegna il ruolo di mattatore assoluto a Jeff Bridges, che qui ricalca il ruolo dello sceriffo Roy Powell su quello del “Grinta” Cogburn, slegandolo però da tutte le briglie che un film (pacato e misurato nel dettaglio) western porta con sé. Ecco che quindi si ride di gusto e ci si lascia coinvolgere nell’assoluto nonsense di certi comportamenti volti più all’eccesso che al grottesco. Ryan Reynolds è sempre una scelta non facile da affrontare, specialmente se da protagonista, visti i suoi ultimi flop, ma nel ruolo dello spaesato Nick Walker se la cava bene.

R.I.P.D. è quindi un altro tassello che va ad arricchire il filone del genere monsters/fantasy, magari senza l’originalità di Ghostbusters o Men In Black, ma comunque degno d’essere ricordato quale prodotto d’intrattenimento.

VOTO : 6,5  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

20130628-twitter-very-little@Deive90

Il trailer ufficiale italiano:

Shares
Shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: