Il Papa ammonisce: “il clericalismo danneggia la Chiesa. Vescovi non siano principi né burocrati”

Monito del Pontefice in un video messaggio per i partecipanti al pellegrinaggio-incontro presso il santuario di Nostra Signora di Guadalupe, a Città del Messico

20131116-papa-francesco-clericalismo-660x430

Città del Vaticano – Papa Francesco ha lanciato un severo monito ai partecipanti al pellegrinaggio-incontro presso il santuario di Nostra Signora di Guadalupe, a Città del Messico, nell’ambito dell’Anno della fede. In un video-messaggio il Pontefice ha ricordato il messaggio di Aparecida, che propone di «mettere la Chiesa in stato permanente di missione», da cui trae forza il suo appello: «è vitale per la Chiesa non chiudersi, non sentirsi già soddisfatta e sicura con quel che ha raggiunto. Se succede questo, la Chiesa si ammala, si ammala di abbondanza immaginaria, di abbondanza superflua, in un certo modo ‘fa indigestione’ e si debilita“.

Il Papa ha indicato l’atteggiamento consono per la Chiesa: «bisogna uscire dalla propria comunità e avere l’audacia di arrivare alle periferie esistenziali che hanno bisogno di sentire la vicinanza di Dio. Lui non abbandona nessuno e mostra sempre la sua tenerezza e la sua misericordia inesauribile, quindi questo è ciò che bisogna portare a tutta la gente».

Bergoglio ha stilato una sorta di vademecum del buon vescovo, ricordando che non deve essere né un principe né un burocrate. «Chi conduce la pastorale nella Chiesa particolare è il Vescovo e lo fa come pastore che conosce per nome le sue pecore, le guida con vicinanza, con tenerezza, con pazienza, manifestando effettivamente la maternità della Chiesa e la misericordia di Dio». Papa Francesco ha voluto ricordare che «l’atteggiamento del vero pastore non è quello del principe o del mero funzionario attento principalmente alla disciplina, alle regole, ai meccanismi organizzativi» e ha messo in guardia dal rischio di una «pastorale distante dalla gente, incapace di favorire ed ottenere l’incontro con Cristo e l’incontro con i fratelli».

Francesco ha ricordato i danni del clericalismo: «la tentazione del clericalismo, che tanto danno fa alla Chiesa in America Latina, è un ostacolo per lo sviluppo della maturità e della responsabilità cristiana di buona parte del laicato. Il clericalismo – ha sottolineato il Pontefice – implica un atteggiamento autoreferenziale, un atteggiamento di gruppo, che impoverisce la proiezione verso l’incontro del Signore, che ci fa discepoli, e verso gli uomini che aspettano l’annuncio».

Credit: Adnkronos

Shares
Shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: