Gutierrez e Chilton penalizzati per aver ostacolato Maldonado e Sutil durante le qualifiche

I Commissari Sportivi hanno penalizzato il pilota messicano della Sauber-Ferrari e il pilota inglese della Marussia per aver ostacolato Pastor Maldonado entrambi, Adrian Sutil solo Chilton. Cambia la griglia di partenza. Felipe Massa dal 15° al 13° posto (parte pulita della pista)

20131117-estebangutierrez-660x380did

Alla fine delle qualifiche del Gran Premio degli Stati Uniti, sul circuito di Austin, in Texas, doccia fredda per Esteban Gutierrez e Max Chilton, piloti della Sauber e della Marussia, che sono stati penalizzati dal collegio dei Commissari Sportivi costituito dallo svizzero Paul Gutjahr, dal messicano José Abed e dall’ex pilota britannico Nigel Mansell, campione del mondo del 1992 e campione CART 1993.

Al pilota messicano della Sauber-Ferrari, qualificatosi al 10° posto al termine di brillanti e soddisfacenti qualifiche, è stata inflitta la penalità di 10 posizioni in griglia di partenza, per aver ostacolato il pilota della Williams-Renault Pastor Maldonado durante le qualifiche, chiudendone la traiettoria tra le curve 19 e 20. Una manovra di «impedimento non necessario» che i Commissari Sportivi hanno considerato pericolosa. Per effetto della penalità Gutierrez partirà quindi dal 20° posto.

A Max Chilton, pilota del team Marussia, qualificatosi al 22° e ultimo posto, non potendolo fare partire dal centro di Austin (…), i Commissari Sportivi hanno comminato la sanzione del Drive Through per aver ostacolato sia Pastor Maldonado che il pilota della Force India Adrian Sutil, durante la prima eliminatoria delle qualifiche. Il britannico dovrà adempiere al passaggio sulla pit lane a “velocità di regolamento” (80 km/h) entro i primi cinque della gara.

20131117-max-chilton-marussia-660x396-did

Gli altri piloti che risultano tributari di una penalizzazione sulla griglia di partenza sono Jenson Button e Charles Pic: il pilota della McLaren per aver superato in regime di bandiera rossa, nel corso delle prove libere di venerdì mattina, ha ricevuto l’arretramento di tre posizioni in griglia, mentre il francese della Caterham ne sconterà cinque – partendo di fatto dal fondo dello schieramento – per la sostituzione non programmata del cambio sulla sua monoposto.

La griglia di partenza, per effetto delle nuove penalità irrogate a Gutierrez e Chilton, è cambiata nel modo seguente:

1. Sebastian Vettel 1’36.338 Red Bull

2. Mark Webber 1’36.441 Red Bull

3. Romain Grosjean 1’37.155 Lotus

4. Nico Hülkenberg 1’37.296 Sauber

5. Lewis Hamilton 1’37.345 Mercedes

6. Fernando Alonso 1’37.376 Ferrari

7. Sergio Perez 1’37.452 McLaren

8. Heikki Kovalainen 1’37.715 Lotus

9. Valtteri Bottas 1’37.836 Williams

10. Daniel Ricciardo 1’38.131 Toro Rosso

11. Paul di Resta 1’38.139 Force India

12. Nico Rosberg 1’38.364 Mercedes

13. Felipe Massa 1’38.592 Ferrari

14. Jean-Eric Vergne 1’38.696 Toro Rosso

15. Jenson Button 1’38.217 McLaren *

16. Adrian Sutil 1’39.25 Force India

17. Pastor Maldonado 1’39.351 Williams

18. Giedo van der Garde 1’40.491 Caterham

19. Jules Bianchi 1’40.528 Marussia

20. Esteban Gutierrez 1’38.034 Sauber **

21. Max Chilton 1’41.401 Marussia ****

22. Charles Pic 1’40.596 Caterham ***

* 3 posizioni di penalità per aver aver superato in regime di bandiera rossa durante le libere 1  |  ** 10 posizioni di penalità per aver ostacolato Pastor Maldonado durante le qualifiche  |  *** 5 posizioni di penalità per la sostituzione non programmata del cambio  |  **** Drive Through da osservare nei primi 5 giri del GP degli Stati Uniti

Ultimo aggiornamento 17 Novembre 2013, ore 3.53 | © RIPRODUZIONE RISERVATA

L’analisi Pirelli del circuito di Austin a cura di Mario Isola

2013_F1_EVENT18_GP_USA-SCHEDULE_1

Shares

John Horsemoon

Sono uno pseudonimo e seguo sempre il mio dominus, del quale ho tutti i pregi e i difetti. Sportivo e non tifoso, pilota praticante(si fa per dire…), sempre osservante del codice: i maligni e i detrattori sostengono che sono un “dissidente” sui limiti di velocità. Una volta lo ero, oggi non più.

Correre in gara dà sensazioni meravigliose, farlo su strada aperta alla circolazione è al contrario una plateale testimonianza di imbecillità. Sul “mio” giornale scrivo di sport in generale, di automobilismo e di motorsport, ma in fondo continuo a giocare anche io con le macchinine come un bambino.

Shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: