Farmacista uccisa in provincia di Palermo, scoperto tesoretto di 250mila euro

L’ingente somma di denaro forse alla base della rapina alla farmacia di Blufi, finita in tragedia

blufi farmacista
La farmacista uccisa nel palermitano (foto da internet)

Il giorno dopo il terribile assassinio della dottoressa Giuseppina Jacona, avvenuto a Blufi, in provincia di Palermo, i Carabinieri della Stazione di Petralia Soprana hanno rinvenuto nell’abitazione dell’autore del delitto, Angelo Porcello, oltre 14mila euro, frutto della rapina ai danni della farmacia, nascosti dentro un cassetto e dietro la porta del bagno.

Inoltre, sono stati rinvenuti gli indumenti, macchiati di sangue, indossati al momento della rapina.

Ma i carabinieri hanno anche individuato il probabile obiettivo di Porcello e del suo complice, il 18enne Gandolfo Giampapa: un tesoretto di 250mila euro che la donna conservava in casa, comunicante con la farmacia. Quest’ingente somma si trovava custodita all’interno di due scatole di scarpe poste sull’armadio della camera da letto.

Infine, nella stessa stanza, è stata ritrovata una corda, intrisa di sangue, con la quale i due balordi, forse, avrebbero voluto immobilizzare la dottoressa Jacona.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Shares

Walter Giannò

Blogger dal 2003, giornalista pubblicista, ha scritto su diverse piattaforme: Tiscali, Il Cannocchiale, Splinder, Blogger, Tumblr, WordPress, e chi più ne ha più ne metta. Ha coordinato (e avviato) urban blog e quotidiani online. Ha scritto due libri: un romanzo ed una raccolta di poesie. Ha condotto due trasmissioni televisive sul calcio ed ha curato la comunicazione sul web di un movimento politico di Palermo durante le elezioni amministrative del maggio 2012. Si occupa di politica regionale ed internet.

Shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: