La dipendenza da caffè certificata da uno studio americano

Gli esperti americani avvertono che il “Caffeine Use Disorder” colpisce il 50 per cento delle persone che bevono caffè, a tal punto da manifestare sintomi di astinenza

20140129-caffeine-disorder-660x418

Roma – Caffè al mattino, un rito irrinunciabile per milioni di persone in tutto il mondo. Che cosa succederebbe se a questo esercito di fanatici della tazzina o della tazza venisse tolta improvvisamente questa abitudine? Almeno nella metà dei casi potrebbero rilevarsi sintomi riconducibili a quelli caratteristici di una crisi da astinenza.

Eppure, la dipendenza da caffè è un problema in aumento ma ancora poco considerato, avvertono gli esperti dell’American University, della Johns Hopkins University School of Medicine e della University of Vermont sul ‘Journal of Caffeine Research’.

La psicologa Laura Juliano, prima firmataria del lavoro, evidenzia che molte persone oggi dipendono dalla caffeina al punto tale da avere sintomi di astinenza e di non essere in grado di ridurre il consumo di questa bevanda nemmeno nelle condizioni in cui si sconsiglia, come durante la gravidanza, in presenza di malattie del cuore o di un disturbo della coagulazione del sangue.

Questi sintomi combinati danno vita a una condizione chiamata ‘Caffeine Use Disorder’, ossia disturbo da uso di caffè. Secondo l’esperta, anche se la caffeina può essere considerata la droga più comunemente usata nel mondo e si trovi ormai ovunque, dal caffè al tè, alla soda, agli antidolorifici, al cioccolato e in tutta una serie di alimenti e bevande energetici, gli operatori sanitari stanno tardando nel considerarne l’abuso come un aspetto problematico e nel riconoscere che, in alcuni casi, si potrebbe aver bisogno di un trattamento specifico per risolvere il problema.

Lo studio riassume i risultati di ricerche pubblicate in precedenza, con l’intento di presentare prove biologiche della dipendenza da caffeina. I risultati mostrano quanto sia diffuso il fenomeno e quanto siano significativi i sintomi fisici e psicologici sperimentati dai consumatori abituali di caffeina.

La comunità scientifica sta cominciando a considerare il problema. La scorsa primavera, l’American Psychiatric Association ha ufficialmente riconosciuto il disturbo da uso di caffeina come un problema di salute reale che deve essere approfondito anche nel ‘Diagnostic and Statistical Manual of Mental Health Disorders’, il Dsm.5.

C’è un malinteso sia tra i professionisti della salute che fra i cittadini, secondo cui rinunciare alla caffeina non sarebbe affatto difficile. Al contrario, gli studi hanno messo in luce che oltre il 50% dei normali consumatori di caffeina ha avuto difficoltà a smettere o a ridurre il consumo di questa sostanza“, dice Juliano, la quale ricorda che gli adulti sani dovrebbero limitare il consumo di caffeina a non più di 400 mg al giorno, l’equivalente di circa 2-3 tazzine.

Le donne in gravidanza dovrebbero consumarne meno di 200 mg al giorno e le persone che soffrono regolarmente di ansia o insonnia, così come gli ipertesi, i malati cardiaci o con problemi urinari dovrebbero limitare ancora di più il consumo di caffeina. “I produttori – consiglia inoltre l’esperta – dovrebbero indicare sulle etichette la quantità di caffeina“. Una sorta di posologia mirata a ridurre i rischi caffeinocorrelati.

Credit: Adnkronos

Shares
Shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: