Renzi ‘licenzia’ il Governo e si dà l’incarico: ‘Grazie a Letta. Pd dica sì a nuovo governo di legislatura’

Il segretario: so che corro un rischio, ma è alternativa alle elezioni. Ennesima crisi extraparlamentare, in disprezzo della Costituzione

20140121-matteo-renzi-660x437

Roma – Matteo Renzi ha chiesto alla Direzione del Pd “di aprire una fase nuova con un esecutivo nuovo che si ponga un obiettivo di legislatura“. Questo lo scenario proposto (o imposto?) dal segretario Pd ha rivolto all’assemblea del Partito, ringraziando Enrico Letta “per il notevole lavoro svolto“. Letta, che ha deciso di non essere presente, ora dovrà dimettersi, per l’ennesima crisi politica extraparlamentare, in spregio alla Costituzione, quella Carta Fondamentale che a parole viene da molti mitizzata, salvo offenderla senza ritegno.

Diciamo subito con chiarezza la proposta che viene dalla Direzione“. E ha letto un dispositivo che intenderà mettere ai voti: “La Direzione del Pd, esaminata la situazione politica e gli sviluppi recenti, ringrazia Enrico Letta per il notevole lavoro svolto alla guida del governo, un esecutivo di servizio nato in un momento delicato dal punto di vista economico e sociale, e per il significativo apporto dato in particolare con il raggiungimento degli obiettivi europei. Assume il documento “Impegno Italia” come contributo per affrontare i problemi del Paese, e rileva la necessità e l’urgenza di aprire una fase nuova con esecutivo nuovo che si ponga un obiettivo di legislatura“.

Il sindaco di Firenze ha poi precisato di non voler fare nessun “processo al governo“, e ha spiegato: “Vorrei evitare di perdermi in troppi giri di parole. Qualcuno ha scritto che siamo di fronte a derby, ma noi siamo di fronte a un bivio: da una parte c’è la chiusura della legislatura e il passaggio elettorale, dall’altra trasformare questa legislatura in costituente. Tertium non datur“. Per Renzi “le elezioni hanno fascino, ma manca legge elettorale, possono avere valore purificatore – ha detto – ma non risolverebbero i problemi“.

L’alternativa al voto anticipato è quindi “un percorso di legislatura, una scelta rischiosa e difficile, azzardata“, ma il segretario Pd se ne è assunto la responsabilità: assumersi la responsabilità di guidare il cambiamento è un rischio ma “la disponibilità a correre questo rischio deve essere presa con il vento in faccia” ha aggiunto.

Renzi ha concluso il suo intervento ribadendo la sua proposta: “vi propongo la strada meno battuta, quella più difficile, sulla quale faremo più fatica, ma l’unica che il Pd si può permettere: vi chiedo di uscire dalla palude“.

Letta, in una lettera al parlamentino democratico, ha scritto il perché ha preferito non essere presente alla Direzione del Pd: “Carissimi, penso che, in una giornata importante come questa, sia fondamentale che la discussione si sviluppi, e le decisioni conseguenti siano assunte, con la massima serenità e trasparenza. Per questo preferisco aspettare a Palazzo Chigi le determinazioni che verranno prese, in modo che tutti in Direzione si sentano liberi di esprimere valutazioni ed esplicitare le decisioni che ritengono opportune. Vi ringrazio“.

Credit: TMNews

Shares
Shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: