Ucraina, Kiev in fiamme. Almeno 25 morti negli scontri

Pugno di ferro del presidente. La polizia irrompe nella piazza. Pugno di ferro del presidente. La polizia irrompe nella piazza. Tra le vittime ci sarebbero sette agenti. Blitz della polizia all’alba per sgomberare i dimostranti. Il presidente Ianukovich: “Opposizione ha passato i limiti”

20140218-KIEV-660x371

Kiev – La capitale ukraina è in fiamme. Secondo il ministero della Sanità ucraino, è salito ad almeno 25 il numero complessivo dei morti provocati dagli scontri di piazza tra forze di sicurezza e manifestanti filo-europeisti. I feriti ammontano a 241, compresi 79 poliziotti e cinque giornalisti.

Tra le vittime anche Vyacheslav Veremyi, corrispondente da Kiev per il quotidiano in lingua russa ‘Vesti’, vicino al governo. La capitale ucraina vive la sua giornata più violenta e sanguinosa dal 21 novembre scorso, quando la scelta del governo di interrompere il percorso di integrazione nell’Unione europea spinse nelle strade e nelle piazze migliaia di persone.

Dopo il rilascio di 234 manifestanti grazie a un’amnistia promulgata dal presidente, Viktor Yanukovich, e l’evacuazione pacifica del municipio della capitale occupato dall’1 dicembre scorso, la tensione sembrava diminuita. Ieri però gli scontri sono di nuovo divampati di fronte al Parlamento e il bilancio provvisorio delle vittime è altissimo. Circa 20mila dimostranti si erano messi in marcia da Piazza Indipendenza al Parlamento per chiedere di inserire in agenda una proposta dell’opposizione di ridurre i poteri del presidente, ma la polizia ha cercato di fermare i dimostranti sparando proiettili di gomma e lanciando lacrimogeni dopo che questi avevano iniziato a lanciare sassi contro le forze dell’ordine.

 

Successivamente i manifestanti antigovernativi hanno iniziato a lanciare sassi e bombe molotov contro la sede del partito al potere. Invano l’ex campione del mondo di pugilato Vitali Klitschko aveva lanciato un appello a Yanukovich affinché ritirasse gli agenti antisommossa dalle strade, che invece hanno lanciato un ultimatum ai manifestanti perché lasciassero piazza Indipendenza.

Scaduto l’ultimatum, la polizia ha fatto irruzione nonostante da Parigi, Washington, dalla Nato, dall’Ue e dall’Onu fossero giunte pressioni e moniti per mettere fine dell’escalation e Berlino abbia invitato l’Ue a valutare sanzioni individuali contro i responsabili delle violenze. Nulla da fare: il procuratore ucraino ha avvertito che preannunciato “pene durissime” per gli autori dei disordini e gli agenti antisommossa hanno avvisato donne e bambini, intimando loro di lasciare l’area perché si stava preparando un’operazione “antiterrorismo”.

Mentre l’irruzione della polizia nella piazza era in corso l’ex pugile Vitali Klitschko, uno dei capi dell’opposizione, arringava la folla: “Non ce ne andiamo, questa è un’isola di libertà“.

Credit: AGI

Shares
Shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: