Biometano dalle alghe: superata la fase della sperimentazione, pronti ad avviare la commercializzazione

Sperimentata negli Usa una nuova tecnica di produzione, grazie agli studi compiuti nei laboratori dell’Università del Michigan

20140228-alghe-660x439

Roma – Non è sempre vero che i risultati raggiunti nei laboratori non si traducano in successi nel mondo reale, è il caso del biocarburante prodotto dalle alghe che, sperimentato in laboratorio dagli scienziati dell’Università del Michigan, ha le premesse necessarie per tradursi in un effettivo contributo alla realizzazione di un biometano commercializzabile.

Lo studio condotto nei laboratori dell’università si è infatti basato sulla coltivazione delle alghe in ambiente protetto, utilizzando una particolare piattaforma tecno-procedurale, denominata EPBR, che ha simulato un ambiente naturale dinamico nel quale fare sviluppare le alghe. Il risultato è che lo sviluppo dei ceppi di alghe viene sottoposto ad ogni possibile variante prevedibile in natura, producendo una selezione naturale degli esemplari meno resistenti. Il risultato della selezione è un tipo di alga che, posto nell’ambiente naturale, riesce ad essere utilizzato per una produzione intensiva.

La produzione di biometano dalle alghe non è solo una ricerca statunitense, alla tecnologia si lavora infatti anche in Italia, all’interno del Polo dell’Alga Combustibile Algamoil, dove è stato realizzato l’impianto pilota per la produzione di biodiesel dalle alghe nella sede di Teregroup a Modena, grazie alla collaborazione con il dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari dell’Università di Modena, che ha già testato la tecnologia su un motore di serie senza alcuna modifica.

Le alghe combustibili vengono utilizzate per alimentare motori da cogenerazione e da autotrazione ed i risultati hanno mostrato che la potenza e la coppia sono uguali al diesel commerciale mentre il particolato risulta inferiore. Negli Stati Uniti sono già in funzione alcune pompe di carburante che erogano biodiesel da alghe, combustibile utilizzabile nei motori delle vetture alimentate a gasolio.

Sviluppata in collaborazione con la società di ingegneria Es Consultants Ltd di Hong Kong, la tecnologia di produzione di biodiesel dalle alghe è il frutto di un progetto presentato alla fine del 2011 alla fiera delle energie rinnovabili “China International Green Innovative Products and Technologies Show” di Guangzhou, in Cina.

L’interesse verso le alghe è cresciuto in molti Paesi del mondo di pari passo con il dibattito scientifico sull’opportunità di produrre biocarburanti sottraendo terreni alle colture destinate all’alimentazione. L’energia rinnovabile dalle alghe permette inoltre di eliminare grandi quantità di Co2 nell’atmosfera con un ulteriore beneficio ambientale.

Credit: Adnkronos

Shares
Shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: