Ode al cioccolato fondente, cibo degli dei e gradevole medicina per il cuore degli uomini

Le proprietà del cacao e del cioccolato fondente, quello a più alta percentuale di cibo degli dei, sono note per la capacità di stimolare le endorfine e assicurare al cervello un supporto nei “momenti di bisogno”. Ma i flavonoidi giocano un ruolo centrale nella prevenzione delle malattie cardiovascolari: ora arriva la certificazione della Wageningen University dei Paesi Bassi

20140302-cioccolato-fondente-660x430

Ormai è noto a tutti che il cioccolato sia chiamato “cibo degli dei” per l’elevato contenuto di elementi contenuti nella sua struttura chimica, una vera e propria farmacia viaggiante (per vedere una sintesi delle qualità, clicca qui). Si pensi solo che il pesce, consigliato fin dalla tenera età per l’elevato contenuto di fosforo, ne ha solo la metà di quanto ne contenga il cacao.

Ne consegue che il cioccolato che mangiamo tanto più è buono quanto più cacao contenga. La soglia da cui i benefici superano i “costi” (in termini calorici per lo più) è quella del 70 per cento, da cui si può parlare di cioccolato nero.

Sul numero di marzo della rivista The Faseb Journal è stato pubblicato uno studio del Top Institute Food and Nutrition and Wageningen University, Division of Human Nutrition di Wageningen, nei Paesi Bassi, secondo cui il cioccolato fondente non solo è buono per il gusto, non solo ha proprietà benefiche, ma addirittura potrebbe avere qualità terapiche, perché avrebbe la capacità di supportare il ripristino della flessibilità delle arterie, evitando anche che i globuli bianchi si attacchino alle pareti dei vasi sanguigni.

La rigidità arteriosa e l’attaccamento dei leucociti alle pareti arteriosi sono fattori noti che giocano un ruolo significativo nella aterosclerosi . Gli scienziati olandesi hanno trovato che l’incremento dei flavonoidi – presenti nel cioccolato fondente – porta beneficio alla salute vascolare. “Noi forniamo un quadro più completo dell’impatto del consumo di cioccolato sulla salute vascolare e dimostriamo che aumentando il contenuto di flavonoidi si ha un effetto benefico sulla salute vascolare”, ha dichiarato Diederik Esser, uno dei ricercatori coinvolti nello studio dell’Università di Wageningen. “Tuttavia, questo aumento del contenuto di flavonoidi chiaramente influenza il gusto e quindi la motivazione a mangiare questo tipo di cioccolato. Così – ha aggiunto il professor Esser – il lato oscuro del cioccolato è un aspetto benefico”.

Per fare questa scoperta, Esser e i suoi colleghi hanno analizzato 44 uomini di mezza età in sovrappeso in due periodi di quattro settimane, i quali hanno consumato 70 grammi di cioccolato al giorno. I partecipanti allo studio hanno ricevuto cioccolato fondente ad alto contenuto di flavonoidi o cioccolato di regolare produzione commerciale. Entrambi i tipi di cioccolato fondente avevano la stessa percentuale di cacao.

Prima e dopo il periodo di somministrazione, i ricercatori hanno eseguito una serie di analisi significative per valutare lo stato di salute vascolare. Durante lo studio i partecipanti sono stati invitati ad astenersi da determinati prodotti alimentari densi di energia, per prevenire l’aumento di peso.

Gli scienziati hanno anche valutato le proprietà organolettiche del cioccolato con alto contenuto di flavonoidi e le hanno confrontare con quelle del cioccolato ordinario, raccogliendo la motivazione di scelta dei partecipanti alla ricerca.

L’effetto che il cioccolato fondente ha sul nostro corpo è incoraggiante”, ha affermato Gerald Weissmann, direttore di The FASEB Journal, segnalando che gli effetti prodotti sull’organismo potrebbero portare all’elaborazione di terapie con l’uso di cioccolato nella prevenzione delle patologie cardiovascolari. Insomma, si apre la frontiera della prevenzione al gusto di cioccolato fondente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Shares
Shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: