F1 post GP Australia, Daniel Ricciardo sotto investigazione per aver superato i limiti di flusso nel consumo di carburante

Kamui Kobayashi nella storia della F1: la sua Caterham è la prima monoposto ad aver sofferto di un guasto al sistema brake-by-wire, alla base dell’incidente in partenza che ha eliminato Felipe Massa

20140316-daniel-ricciardo-660x460

Il pilota della Infiniti Red Bull-Renault, Daniel Ricciardo, classificatosi al secondo posto nel Gran Premio di Australia, prima prova del Campionato del Mondo di F1, è sotto investigazione dei Commissari Sportivi della gara per probabile violazione del regolamento tecnico sul flusso del carburante.

L’articolo 5.1.4. del Regolamento Tecnico impone che ogni motore di F1 sia alimentato da un flusso di carburante pari a 100/km per ora. Sembra che il motore Renault della monoposto di Ricciardo possa aver superato questo limite.

Sotto investigazione era finito anche Kamui Kobayashi, per l’incidente occorso in partenza, per effetto del quale Kobayashi ha eliminato la Williams-Marcedes di Felipe Massa alla staccata della prima curva, in partenza.

Kobayashi e la Caterham hanno potuto dimostrare che la monoposto fosse rimasta senza freni posteriori quale conseguenza di un guasto al sistema brake-by-wire.

In aggiornamento

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Shares

John Horsemoon

Sono uno pseudonimo e seguo sempre il mio dominus, del quale ho tutti i pregi e i difetti. Sportivo e non tifoso, pilota praticante(si fa per dire…), sempre osservante del codice: i maligni e i detrattori sostengono che sono un “dissidente” sui limiti di velocità. Una volta lo ero, oggi non più.

Correre in gara dà sensazioni meravigliose, farlo su strada aperta alla circolazione è al contrario una plateale testimonianza di imbecillità. Sul “mio” giornale scrivo di sport in generale, di automobilismo e di motorsport, ma in fondo continuo a giocare anche io con le macchinine come un bambino.

Shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: