La Duma ha ratificato la riunificazione della Crimea alla Federazione Russa. Annullato vertice UE-Russia di giugno

Un solo voto contrario nel Parlamento russo per l’atto che conclude, sotto il profilo giuridico, l’annessione della penisola alla “madre patria”. Transizione nelle Forze Armate ucraine: garantito grado e status a chi volesse indossare la divisa russa. Aiuti UE all’Ucraina

20140320-crimea-russia-crisi-660x440

ADESIONE CRIMEALa Duma russa, intanto, ha ratificato con un solo contrario il Trattato per la riunificazione della Crimea alla Federazione russa firmato martedì da Vladimir Putin. L’unico voto contrario è stato quello di Ilya Ponomarev. ”Le migliori intenzioni ci hanno portato a un grande errore politico: voto contro la guerra”, ha dichiarato il deputato di Russia Giusta. Nel frattempo, la Verkhovna Rada a Kiev ha approvato una risoluzione in cui sancisce la determinazione dell’Ucraina a riassumere il controllo della penisola. ”La Crimea era, è e sarà parte dell’Ucraina. Gli ucraini non smetteranno di battersi per la liberazione del territorio dagli occupanti, per quanto difficile e lunga potrà dimostrarsi”, si legge nel testo della risoluzione.

La tensione potrebbe salire ulteriormente. Almeno stando alle parole dell’inviato di Kiev all’Onu di Ginevra, Yuriy Klymenko, che ha dichiarato: ”Ci sono indicazioni che la Russia stia per lanciare un vero e proprio intervento militare nell’est e nel sud dell’Ucraina”.

SANZIONIL’Unione europea, dal canto suo, è pronta ad adottare sanzioni di livello 3 contro la Russia, tra cui figurano misure di natura economica, qualora dovesse peggiorare la situazione in Crimea. Ad annunciarlo da Berlino è stata Angela Merkel avvertendo poi che “finché non ci saranno le condizioni politiche, non c’è più G8, né il vertice né il formato in quanto tale”.

Mentre, il presidente francese, François Hollande, ha reso noto che il vertice Unione europea-Russia previsto per giugno è stato annullato.

AIUTI ALL’UCRAINA – L’Unione europea vuole inoltre procedere rapidamente con l’invio di aiuti da 1,6 miliardi di euro all’Ucraina. Lo ha detto il commissario europeo agli Affari economici e monetari Olli Rehn, in un’intervista a Bloomberg Tv.

La Russia ha anche intensificato i controlli sulle merci ai confini con l’Ucraina. Lo rende noto l’agenzia di stampa Interfax precisando che l’ordine è stato diramato ”nel timore del possibile ingresso in Russia di beni proibiti”.

TRANSIZIONE FORZE ARMATE IN CRIMEA – Ai militari ucraini che decidono di prestare servizio per la Russia sarà garantito lo stesso grado e status. Lo ha sancito per decreto il presidente russo Vladimir Putin, su richiesta del ministro della difesa Sergei Shoigu, secondo cui ”c’è un gran numero” di ufficiali aspiranti al cambio di divisa. Putin ha inoltre ripristinato l’Accademia navale del Mar Nero Nakhimov a Sebastopoli, che ora portava il nome di scuola navale, e varato l’apertura di una scuola per cadetti in Crimea.

(Credit: AGI, TMNews)

Shares
Shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: