Modugno, esplode fabrica di fuochi d’artificio: 6 morti, si cercano dispersi

Sul posto Vigili del Fuoco e Forze dell’Ordine. In azione gli artificieri dei Carabinieri e due aerei antincendio per domare le fiamme del bosco attorno all’opificio. La deflagrazione durante il trasbordo dei giochi pirotecnici su un furgone

20150724-ESPLOSIONE-BARI



Modugno (Bari) – A Modugno, nell’hinterland barese, è avvenuta un’esplosione nella fabbrica di produzione di fuochi pirotecnici Bruscella. Il bilancio è tragico: sei morti (ne erano stati computati sette, in un primo momento) e sei feriti, alcuni in serie condizioni, a seguito della deflagrazione di fuochi d’artificio che stavano per essere trasbordati su un furgone da una ‘casamatta’, per essere inviati a Cassano delle Murge (sempre in provincia di Bari) per la festa patronale.

L’area dell’opificio – ancora interessata da piccoli focolai – si trova poco fuori l’abitato di Modugno, in direzione di Bitritto, ed è in una zona di campagna circondata da un boschetto, che ha preso fuoco a seguito dell’esplosione. Sul posto, oltre alle squadre dei Vigili del Fuoco – che stanno operando a terra –  in azione anche due Canadair per impedire alle fiamme di espandersi. Secondo una prima ricostruzione, a esplodere per primo sarebbe stato un furgone, poi le esplosioni si sarebbero estese a tutta la fabbrica.

Uno dei feriti più gravi è stato trasferito al Centro ‘Grandi Ustioni’ dell’ospedale Perrino di Brindisi.Il laboratori di produzione dei fuochi appartiene alla ditta ‘Bruscella’. Le vittime sono state rinvenute dagli operatori dei VdF, che stanno operando in condizioni difficili per verificare che non vi siano altri morti o feriti ancora in vita nelle macerie dei capannoni saltati in aria. Altre cinque persone sono rimaste ferite e ustionate, una in modo grave, e ricoverate al Polilicnico di Bari, al ‘San Paolo’ e all’ospedale ‘Di Venere’ sempre del capoluogo pugliese.

Gli artificieri dei Carabinieri hanno provveduto ad esplosioni ‘controllate’ di polveri piriche e altro materiale esplodente finito in una vasta zona.

Sul posto è arrivato il procuratore capo di Bari, Giuseppe Volpe, che ai giornalisti ha spiegato che occorreranno almeno 24 ore prima di stilare un bilancio preciso della tragedia, un tempo necessario ai Vigili del Fuoco per completare la messa in sicurezza dell’area e ricostruire quanto accaduto.

A quanto si è appreso nell’azienda, nota in tutto il Sud Italia, lavoravano oltre ai titolari, anche una decina di persone, e in questi giorni erano in corso le realizzazioni dei fuochi pirotecnici per numerose feste padronali sia in Puglia che in altre regioni.

(Credit: foto e video Youreporter.it) © RIPRODUZIONE RISERVATA

Se hai gradito questo articolo, clicca per favoreMi piacesulla pagina Facebook di The Horsemoon Post (raggiungibile qui), dove potrai commentare e suggerirci ulteriori approfondimenti. Puoi seguirci anche su Twitter (qui) Grazie.


Save the Children Italia Onlus

Shares
Shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: