Hai mille amici musicisti? Puoi invitare Dave Grohl!

L’unione collaborativa di persone motivate – e con un piano – non conosce ostacoli

20150802-rockin-1000

 


Siamo a Cesena, Emilia Romagna, è il 2014. Un gruppo di ragazzi con una passione smodata per il rock sposa la folle idea di Fabio Zaffagnini: convincere una delle più importanti band del pianeta a esibirsi nella ridente cittadina emiliana.

La band è quella dei Foo Fighters e i ragazzi sanno che Dave Grohl e compagni riservano un’attenzione speciale alle iniziative dei fan. Sanno anche che nel 2015 la band sarà in tour mondiale (Italia compresa) e che tramite i social network possono ottenere una visibilità enorme.

Si parte con la realizzazione dell’idea: viene creato il brand “Rockin 1000” a cui fanno capo un sito web, un account Twitter ed una pagina Facebook. Si cercano aziende sponsor e finanziatori tramite una campagna di crowfunding sulla piattaforma emiliana Ideaginger e, grazie all’entusiamo dei giovani rocker, ci credono in moltissimi e vengono raccolti 44.000€.

Il progetto richiede uno sforzo gestionale non indifferente, anche per gli allestimenti scenografici a cui collabora uno studio di geometri di Forlì. Segue una lunga preparazione della performance che vede il coinvolgimento di scuole di musica, fans club e musicisti da ogni parte d’Italia. Il risultato finale è sorprendente: mille anime che suonano all’unisono “Learn to Fly”, una delle hit più celebri del gruppo. In poche ore il flash mob diventa virale e dall’account ufficiale il signor “Davide” Grohl, in italiano, accetta l’invito! [GUARDA LA VIDEO RISPOSTA DI DAVE]

Il video è stato pubblicato il 30 luglio 2015 e la notizia è stata riportata dalle più importanti testate giornalistiche del mondo: da ‘The Times’ a ‘Wired UK’, da ‘The Huffington Post’ al ‘The Indipendent’. Da tutti gli osservatori è arrivato un tributo all’ideatore Fabio Zaffagnini (geologo ex ricercatore del CNR, oggi startupper), un personal branding da favola e, soprattutto, la luce dei riflettori della stampa mondiale su una cittadina sconosciuta al 99,9% del globo.

Con quasi 12 milioni di visualizzazioni su YouTube – nel momento in cui scriviamo – Rockin’1000 rappresenta un caso di marketing indiretto che farà scuola, reso possibile da una perfetta padronanza degli strumenti digital, come social network e piattaforme di crowfunding.

Un evento che dimostra – come ha sottolineato in perfetto inglese Zaffagnini – che “l’Italia è un Paese in cui i sogni sono difficili da realizzare, ma è la terra della passione e della creatività”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se hai gradito questo articolo, clicca per favore “Mi piace” sulla pagina Facebook di The Horsemoon Post (raggiungibile qui), dove potrai commentare e suggerirci ulteriori approfondimenti. Puoi seguirci anche su Twitter (qui) Grazie in anticipo!


Save the Children Italia Onlus

Luca Alessi

Dalle telecomunicazioni al digital marketing, la tecnologia è il mio pane quotidiano, per passione e per lavoro. Early adopter della qualunque. Vengo da sud ma vivo a nord (e mi porto il sole nel cuore).

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: