L’Occidente a Oriente: l’Australia programma un deciso incremento del bilancio per la Difesa

L’aumento nel bilancio della Difesa dell’Australia sarà di circa il 6 per cento con l’obiettivo di portare la spesa militare al 2 per cento del PIL entro il 2021

Canberra – Nel biennio fiscale 2017-2018, il bilancio della Difesa australiano è destinato a un deciso incremento dell’ordine di circa il 6 per cento in termini reali, arrivando a oltre 34,5 miliardi di AUS$ (25,6 miliardi di $), secondo quanto riporta il Governo di Canberra. In termini effettivi tuttavia, il bilancio sarà minore di quasi due miliardi di AUS$ rispetto allo stanziamento dell’esecutivo.

In realtà, il trend è mirato all’obiettivo di raggiungere il 2 per cento del PIL entro il 2020-21, come spiegato in un comunicato da Marise Payne (nella foto a sinistra), ministra della Difesa australiana, la quale ha sottolineato che “il bilancio 2017 mantiene l’impegno del governo di fornire alla Difesa un andamento crescente stabile e sostenibile del finanziamento”.

Lo scenario degli stanziamenti per la Difesa in Australia è di un deciso incremento della spesa militare, dagli attuali 32,4 AUS$ a ben 58,7 miliardi AUS$ nel 2025-2026, aumento che si attesterebbe intorno all’80 per cento in 10 anni.

Tra i capitoli di spesa più interessanti per i prossimi 10 anni quello riguardante la Royal Australian Navy (RAN), che beneficerà di uno stanziamento di 89 miliardi di AUS$ per l’aggiornamento della flotta, con particolare attenzione al programma di acquisizione di altre tre fregate lanciamissili Classe Hobart, nove nuove fregate antisommergibile, 12 pattugliatori d’altura e 21 motovedette.

In questo quadro, va ricordato l’accordo firmato nel dicembre 2016 tra Parigi e Canberra per lo sviluppo e la costruzione di 12 sottomarini Classe Barracuda, derivata dall’omonimo sottomarino d’attacco nucleare in versione diesel-elettrica, che andrà a rafforzare la capacità di proiezione subacquea prevista dal programma SEA 1000 Future Submarine Program della RAN. Il costo totale di questo programma è stimato in 50 miliardi AUS$.

La Royal Australian Air Force (RAAF) riceverà invece 72 F-35A Joint Strike Fighter, per un costo stimato di 98 milioni AUS$ per velivolo, che fornirà alle forze armate australiane “capacità senza precedenti per combattere le minacce future”, ha sottolineato la ministra Payne.

Lo scorso aprile, infine, la Raytheon ha vinto la selezione per lo sviluppo di un nuovo sistema di difesa aerea terrestre a corto raggio, destinato a incrementare le capacità di protezione dell’Australian Army.

Altri investimenti sono già previsti in altri settori strategici, come delineato nel Libro Bianco della Difesa. Il 9 per cento sarà destinato a incrementare le capacità di intelligence, ricognizione, sorveglianza spaziale, guerra elettronica e informatica, per rafforzare le possibilità in ambiente C4iSTAR (Command, control, communications, computer, intelligence, survelliance, target acquisition, reconnaissance).

Il 18 per cento sarà destinato a incrementare le capacità di combattimento terrestre e dei reparti anfibi della RAN, mentre il 17 per cento sarà rivolto all’incremento della forza di attacco e delle capacità di proiezione dell’aeronautica. Di una massiccia dose di investimenti beneficeranno anche le infrastrutture fisiche, quali porti, aeroporti, basi navali, oltre che il numero complessivo di personale, che in poco tempo sarà rimpolpato di oltre 2.500 unità.

Insomma, un programma ambizioso di rafforzamento della capacità di difesa del margine più orientale dell’Occidente politico. Una lezione per l’Europa. 

Ergo qui desiderat pacem, praeparet bellum

(Publio Flavio Vegezio Renato, Epitoma rei militaris, IV Sec d.C.)

(Credit photo: Australian Government, Department of Defence © RIPRODUZIONE RISERVATA

Se hai gradito questo articolo, clicca per favoreMi piacesulla pagina Facebook di The Horsemoon Post (raggiungibile qui), dove potrai commentare e suggerirci ulteriori approfondimenti. Puoi seguirci anche su Twitter (qui) Grazie.


banner-solidali-istituzionale-468x60

Shares
Shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: