Fisco, denuncia della Corte dei Conti: Governo opaco nella lotta all’evasione fiscale

Le tabelle contenute nel rapporto sul coordinamento di finanza pubblica, elaborate da AdnKronos, mostrano che le cifre sbandierate dal Governo sono rimaste teoriche e ben al di sotto delle stime. I magistrati contabili parlano di “serie difficoltà” di verifica del consuntivo e di “somme riscosse fuorvianti”

Roma – Nella lotta all’evasione fiscale lo Stato avrebbe raggiunto il risultato record di 27 miliardi nel 2016, se però non si trattassero di riscossioni ‘lorde’ che si riducono al 40,7%,  se si vanno a vedere gli incassi effettivi.

Nel 2016, le entrate da attività di accertamento e controllo hanno portato all’emersione di 19 miliardi, cui bisogna aggiungere altri otto miliardi di entrate una tantum (tra cui la voluntary disclosure). Il gettito effettivo, però, ammonta a soli 11 miliardi di euro.

Le tabelle contenute nel rapporto sul coordinamento della finanza pubblica della Corte dei conti, elaborate dall’Adnkronos, mostrano che nell’ultimo decennio gli incassi si sono fermati ben al di sotto delle entrate stimate. La magistratura contabile, nel dossier, parla di “serie difficoltà” di verifica del consuntivo e di “somme riscosse fuorvianti”.

Il primo anno esaminato dalla Corte dei conti è il 2007, quando le riscossioni stimata ammontava a 8,5 miliardi (di cui 2,1 mld da entrate una tantum) ma l’incasso effettivo si è fermato a 4,3 miliardi (il 50% del totale). Il gettito si riduce, in termini percentuali, l’anno successivo, quando il totale salive a 9,6 miliardi (di cui 2,7 mld da una tantum) e il gettito a 4,5 miliardi (pari al 46,9% del totale). Nel 2009 le riscossioni lorde arrivano a 11,8 miliardi di euro (2,9 mld una tantum) e quelle nette a 6,4 miliardi (54,2%).

Nel 2010 le entrate teoriche da lotta all’evasione fiscale sono giunte a 13,9 miliardi di Euro (con 2,9 mld di un tantum) e la riscossione effettiva a 8,1 miliardi (pari al 50,3% del totale). L’anno dopo l’attività di accertamento ha portato all’emersione di 16,1 miliardi (con 3,4 mld di una tantum) e le entrate reali arrivano a 9,3 miliardi (57,8%). Nel 2012 gli incassi stimati sono stati pari a 15,6 miliardi di Euro (3,1 mld una tantum), e l’effettivo incassato ammonta a 9,4 miliardi (60,2%).

Risultati simili, in termini percentuali, si raggiungono anche nei due anni successivi: nel 2013 le entrate teoriche ammontano a 16,2 miliardi (3,1 mld una tantum), con l’incasso che raggiunge 10 miliardi (61,7% del totale); nel 2014 le stime indicano che la cifra raggiunta è di 17,5 miliardi (3,3 mld una tantum) e quella incassata è di 10,9 miliardi (62,3%).

Negli ultimi due anni la percentuale degli incassi effettivi rispetto alle entrate stimate inizia a scendere, con il 2015 che a fronte di una riscossione lorda che arriva a 18,9 miliardi (4 mld una tantum), si ferma a 10,9 miliardi di incassi (57,7% del totale). Lo scorso anno le l’attività di accertamento e controllo ha portato al record di 27 miliardi, mentre la somma entrata nelle casse dell’erario ammonta a 11 miliardi. Mettendo a confronto i risultati dell’ultimo decennio emerge che nel 2016, con il 40,7% delle entrate ‘nette’ rispetto al ‘lordo’, è toccato il minimo di incassi in percentuale alle entrate.

La Corte dei conti, nel suo rapporto, rileva che le stime di gettito formulate in sede di bilanci di previsione “presentano serie difficoltà di verifica in sede di consuntivo. “Pesa il deficit informativo che circonda gli esiti della lotta all’evasione“. In materia di contrasto all’evasione, si spiega nel rapporto, “si sa poco: non si è in grado di conoscere in quale misura si sono realizzati i recuperi appostati nei bilanci di previsione e le cifre consuntivate sono non di rado fuorvianti“.

(AdnKronos)

Se hai gradito questo articolo, clicca per favoreMi piacesulla pagina Facebook di The Horsemoon Post (raggiungibile qui), dove potrai commentare e suggerirci ulteriori approfondimenti. Puoi seguirci anche su Twitter (qui) Grazie.


banner-solidali-istituzionale-468x60

Shares
Shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: