Dal Giappone la CONCEPT One e la AWD SPORTS Concept, utilitarie elettriche costruite sotto casa

Fomm, piccolo costruttore nipponico, ha presentato al Salone di Ginevra 2018 una microcar elettrica a 4 posti per la mobilità urbana e il concet di una bella roadster a 2 posti a trazione integrale elettrica


Verona – Al recente Salone di Ginevra, FOMM – piccolo costruttore nipponico – ha presentato al pubblico due microcar entrambe con motori elettrici, destinate a rimpolpare il parco auto utilizzabile in ambito urbano.

CONCEPT One e AWD SPORTS Concept hanno una interessante caratteristica comune, a parte la motorizzazione elettrica: sono state progettate per essere costruite in piccole serie in impianti produttivi di ridotte dimensioni, col fine di rendere più ecocompatibile l’intera filiera produttiva e abbattere l’impatto ambientale generale dal produttore all’utilizzatore. In questi micro impianti – che FOMM chiama ‘Micro-Fab’ – si potranno produrre queste vetturette, in cui i componenti sono stati ridotti a 1.600, dagli ordinari 30mila richiesti per la produzione di un’automobile a motore tradizionale. Altra caratteristica comune è la classificazione L7e, secondo gli standard dell’UE, che considera queste automobili come tricicli a motore, quindi guidabili già a 16 anni con la patente A.

FOMM CONCEPT One, microvettura elettrica a trazione integrale e 4 posti (foto © VINCENZO SCICHILONE 2018 )
FOMM CONCEPT One, microvettura elettrica a trazione integrale e 4 posti (foto © VINCENZO SCICHILONE 2018 )

Sotto il profilo costruttivo, la CONCEPT One è una vetturetta a due porte, con quattro posti, dotata di una batteria da 20 Kwh, sostituibile in soli cinque minuti. Ideale per chi usa l’auto nel tragitto casa-ufficio o poco più, considerato il fatto che può essere ricaricata usando una normale presa di corrente sulla rete elettrica. FOMM pensa anche all’organizzazione di una rete di ‘distributori’ in grado di sostituire questa batteria in così breve tempo, grazie alla sottoscrizione di un apposito abbonamento annuale.

Lunga poco meno di 2,6 metri, alta quasi 1,6 e larga 1,3, la CONCEPT One potrebbe essere utile a una larga fascia di automobilisti europei, che mediamente percorrono 60 chilometri al giorno e per i quali i 160 km di autonomia della vetturetta nipponica sono più che sufficienti, sfruttando le dimensioni veramente ideali per parcheggiare nelle sempre più affollate strade europee. Quattro i motori elettrici alla ruota da 10kW, con coppia di 560Mn e quattro batterie di 2,96 kW, ricaricabili in 6 ore da una normale presa elettrica.

Molto bello il roadster 2 posti ‘Sports’, con porte ad ala di gabbiano, dimensioni interessanti: 3,3 metri di lunghezza, per una larghezza di poco meno di 1,5 metri e poco più di 1,25 metri di altezza. Uguale la motorizzazione, con coppia massima di 1.120 Nm. Una vetturetta gradevolissima, da utilizzare specialmente nelle zone in cui il clima consente di guidare all’aria aperta per molti mesi all’anno.

Il costo di queste vetturette non è stato ancora comunicato, ma la prima fabbrica in cui saranno costruite sarà aperta a breve in Thailandia. A quel punto, il progetto della ‘Micro-Fab’ potrebbe trovare terreno anche altrove, con investimenti industriali non imponenti per realizzare la vera filosofia nuova proposta da FOMM: abbattere l’impatto sull’ambiente dell’uso dell’automobile, dal momento in cui si produce al momento in cui si usa.

FOMM AWD Sports Concept (Foto © VINCENZO SCICHILONE 2018 )
FOMM AWD Sports Concept (Foto © VINCENZO SCICHILONE 2018 )

Chi raccoglierà la sfida in Italia?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se hai gradito questo articolo, clicca per favoreMi piacesulla pagina Facebook di The Horsemoon Post (raggiungibile qui), dove potrai commentare e suggerirci ulteriori approfondimenti. Puoi seguirci anche su Twitter (qui) Grazie.


Shares

John Horsemoon

Sono uno pseudonimo e seguo sempre il mio dominus, del quale ho tutti i pregi e i difetti. Sportivo e non tifoso, pilota praticante(si fa per dire...), sempre osservante del codice: i maligni e i detrattori sostengono che sono un “dissidente” sui limiti di velocità. Una volta lo ero, oggi non più. Correre in gara dà sensazioni meravigliose, farlo su strada aperta alla circolazione è al contrario una plateale testimonianza di imbecillità. Sul “mio” giornale scrivo di sport in generale, di automobilismo e di motorsport, ma in fondo continuo a giocare anche io con le macchinine come un bambino.

Shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: