Dopo la Mercedes, anche la Ferrari è indagata dalla FIA per un test di gomme

La FIA estende le indagini e coinvolge il team italiano per un test di qualche settimana fa svolto con la monoposto del 2011

GP CINA F1/2013

Con un comunicato emesso in serata, la FIA ha reso noto che la Ferrari è sotto investigazione per un test svolto in Bahrain qualche settimana fa, per provare gomme Pirelli. La scuderia di Maranello avrebbe condotto le prove affittando alla casa milanese una monoposto del 2011, ovvero la non indimenticabile 150° Italia, che vinse un solo gran premio, quello di Inghilterra a Silverstone.

Il comunicato recita che “la FIA ha chiesto ai team Mercedes AMG Petronas F1 e alla Scuderia Ferrari,  squadre che hanno preso parte a prove di pneumatici nella stagione 2013, di rispondere ad una inchiesta disciplinare ai sensi del Regolamento giudiziario e disciplinare FIA”. Alla Federazione si sono preoccupati di legare questa precisazione alla relazione dei Commissari Sportivi del Gran Premio di Monaco e – si specifica – rappresenta le informazioni integrative richieste dalla FIA alla luce delle risposte ricevute dalla Pirelli alla quale sono stati chiesti chiarimenti martedì 28 Maggio”.

La situazione creata nelle ultime ore ha del paradossale. Mentre la Mercedes ha utilizzato monoposto del 2013 e i due piloti titolari di questa stagione – Nico Rosberg e Lewis Hamilton (anche se le voci iniziali affermavano che il test fosse stato condotto da Nico Rosberg a guidare la W04 al Montmelò), la Ferrari invece ha utilizzato una vettura che arrivava direttamente dal proprio Reparto Corse Clienti, essendo la 150° Italia una monoposto che ha terminato il ciclo di vita agonistico due anni fa ed è equipaggiata con tecnologie ormai obsolete, già rimpiazzate da sistemi più sofisticati.

La scelta effettuata dai vertici della GeS, dovrebbe mantenere la Ferrari in una posizione politica e giuridica inattaccabile, perché durante il test sono stati rispettati i veti previsti dalla regola in questione. A Maranello infatti hanno sporto un reclamo assieme alla Red Bull diretto alla Federazione, volto a ricevere chiarimenti sul test effettuato al Montmelò dalla Pirelli con una Mercedes 2013 (W04, con al volante Hamilton e Rosberg).

Il comunicato dei vertici della Federazione Internazionale, sembra più un’azione per tenere sotto controllo uno dei team di maggiore spicco e a sua volta di maggiore influenza politica della storia della Formula Uno, evitando di subire un attacco mediatico dettato da un regolamento stilato con superficialità e spostando l’attenzione dei media su altre rive, dove i reali protagonisti del “tyregate”, però, non sono presenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 @GiacomoRauli

Giacomo Rauli

Studio comunicazione, ho la passione delle auto in ogni forma e maniera. Il mio interesse per il giornalismo mi dà la possibilità di occuparmene. Su THE HORSEMOON POST scrivo di F1, Mondiale Rally e automobili, in fondo è un modo diverso per continuare a giocare con le macchinine...

Un pensiero riguardo “Dopo la Mercedes, anche la Ferrari è indagata dalla FIA per un test di gomme

  • 01/06/2013 in 19:36:04
    Permalink

    Mercedes, ovvero l’auto del Paese degli onesti !

I commenti sono chiusi