Crisi Russia-Ucraina. Da Kiev scatta una sanzione del tutto speciale: l’embargo della “topa”…

In tema di armi strategiche, sull’onda del successo della pagina FacebookNe Dai Russkomu‘, oltre 5mila fan in poco tempo, il gruppo al femminile rincara la dose per protestare contro l’annessione della Crimea e estende la campagna anti-sesso contro Mosca anche sulle magliette. Prendendo spunto da un poeta dell’800

2014_04_Dont_Give_It_Russian-004

Roma -L’annessione della Crimea da parte della Russia di Putin ha mobilitato le diplomazie di mezzo mondo. Usa e Ue hanno decretato sanzioni (per la verità molto simboliche), cui la Russia ha risposto con altrettante sanzioni (altrettanto ridicole).

GRUPPO SU FACEBOOK – Ma in Ucraina l’hanno pensata più terra-terra. Anzi, letto-letto (per semplificare), elaborando un nuovo tipo di sanzioni: l’embargo della topa! “Non datela a un russo“, afferma in modo inequivocabile e senza infingimenti il motto del gruppo creato su Facebook, che ha avuto un successo mondiale in termini di visibilità e adesioni di fan, nel momento in cui scriviamo oltre i 5mila.

LA T-SHIRT – Ma la forma di protesta non si è fermata qua. Sull’onda del successo, infatti, è arrivata anche una t-shirt, su cui è riportata la citazione della vecchia poesia ucraina del 1838 di Taras Shevchenko, ‘Kateryna‘, che ha dato ispirazione allo sciopero del sesso (LEGGI): “Innamoratevi, fanciulle dalle scure sopracciglia, ma non con i Moscali [i russi]”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Galleria Fotografica