Iran, Reyhaneh Jabbari non è stata impiccata. Firmata richiesta di perdono, esecuzione al momento sospesa

La notizia rivelata da fonti vicine alla famiglia Jabbari al’agenzia Aki-Adnkronos International (gruppo Giuseppe Marra Communications), spiegando che la mossa della ragazza, condannata a morte per l’omicidio dell’uomo che voleva violentarla, “non vuol dire che abbia accettato di negare di aver subito un tentativo di stupro”, come richiede la famiglia della vittima

20141008-save-reyhaneh-655x436

Teheran – Reyhaneh Jabbari non è stata impiccata questa mattina alle 5. La ragazza iraniana, condannata a morte per aver ucciso l’uomo che voleva stuprarla, “ha firmato una richiesta di perdono” alla famiglia delle vittima. Lo hanno rivelato fonti vicine alla famiglia Jabbari ad Aki – Adnkronos International, agenzia di stampa del gruppo Giuseppe Marra Communications.

Le fonti hanno spiegato che il gesto di Reyhaneh “non vuol dire che abbia accettato di negare di aver subito un tentativo di stupro“, come richiesto dalla famiglia della vittima, Morteza Abdolali Sarbandi, un agente dell’intelligence di Teheran.

L’impiccagione, prevista per questa mattina, è stata di fatto sospesa, anche se non è chiaro in base a quale provvedimento e per quanto tempo. Secondo l’agenzia Aki, che cita fonti locali anonime, “c’è un interessamento diretto delle autorità iraniane“, che temono ripercussioni internazionali dalla vicenda, con il relativo discredito. Le stesse fonti confermano tuttavia la richiesta della famiglia della vittima di negare lo stupro.

(Adnkronos)

2 pensieri riguardo “Iran, Reyhaneh Jabbari non è stata impiccata. Firmata richiesta di perdono, esecuzione al momento sospesa

  • 22/10/2014 in 23:17:38
    Permalink

    Altro che impiccarla dovrebbero lasciarla subito libera! Sono gli stupratori che dovrebbero essere impiccati! Stavolta senza possibilità di perdono o sospensione dell’esecuzione, ma dritti dritti buttati giù nella botola con un cappio al collo!

  • 08/10/2014 in 15:33:49
    Permalink

    L’articolo è dedicato alle femministe italiane che vogliono gli islamici in Italia.

I commenti sono chiusi