Deprecated: Hook custom_css_loaded is deprecated since version jetpack-13.5! Use WordPress Custom CSS instead. Jetpack non supporta più il CSS personalizzato. Leggi la documentazione WordPress.org per scoprire come applicare gli stili personalizzati al tuo sito: https://wordpress.org/documentation/article/styles-overview/#applying-custom-css in /customers/8/8/d/horsemoonpost.com/httpd.www/newsite/wp-includes/functions.php on line 6085 Tre arresti a Roma: botte alla figlia per costringerla a prostituirsi con un 60enne | HORSEMOON POST
LazioNews

Tre arresti a Roma: botte alla figlia per costringerla a prostituirsi con un 60enne

In manette un italiano e una coppia di rumeni. I genitori ‘concedevano’ la bambina di 12 anni all’uomo che, in cambio di somme di denaro e regali di ogni sorta, poteva disporre di lei per soddisfare ogni sua pretesa sessuale

20141010-roma-prostituzione-minorile-655x398

Roma – Costringevano la figlia di 12 anni a soddisfare le pretese sessuali di un uomo di 60 anni, in cambio di soldi e benefici economici. A finire in manette una coppia di rumeni e un italiano, arrestati a Roma per sfruttamento della prostituzione minorile e violenza sessuale.

L’indagine condotta dagli agenti della IV sezione della Squadra Mobile romana, specializzata in reati sessuali contro le donne, i minori e le fasce vulnerabili, in collaborazione con il personale del Commissariato di Monteverde, coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma, ha avuto origine lo scorso mese di agosto, quando gli investigatori hanno ricevuto una segnalazione di strane attenzioni rivolte a una bambina rumena di 12 anni da parte di un italiano, di 60 anni, S.C.

Le indagini, avvalsesi anche di intercettazioni ambientali, hanno consentito di raccogliere indizi nei confronti dell’italiano, che aveva messo in atto una vera e propria strategia tesa a soddisfare i propri istinti sessuali in cambio di somme di denaro e regali di ogni sorta.

Ad aggravare la vicenda la complicità dei genitori della minore, T.G. 35 anni, e L.G. del 40 anni, una coppia di cittadini originari della Romania, i quali inducevano, favorivano e sfruttavano la prostituzione della loro figlia, costringendola con percosse, offese e umiliazioni quotidiane a trascorrere molto tempo con l’italiano che, in cambio di soldi e di ogni tipo di beneficio economico, poteva disporre a proprio piacimento della bambina.

Le indagini degli uomini della Questura, corroborate anche dalle dichiarazioni rese dalla minore in audizione protetta con l’assistenza del personale specializzato e di psicologi, hanno confermato il quadro indiziario e i reati di violenza sessuale dell’italiano nei confronti della dodicenne, lo sfruttamento della prostituzione e i maltrattamenti commessi dai due coniugi rumeni.

Tutti questi elementi hanno determinato l’emissione, da parte del Gip, di tre ordinanze di custodia cautelare richieste dalla locale Procura per impedire la reiterazione di analoghi comportamenti e arginare la pericolosità sociale degli indagati.

(Adnkronos)