BMW si accorda con ChargeNow per ricariche pubbliche più semplici

ChargeNow fornisce servizi di ricariche più facili e immediate con una sola app che consente di accedere a oltre 150.000 punti di ricarica in 29 Paesi in tutto il mondo. In Italia il servizio garantisce l’utilizzo di 2.800 punti di ricarica, pari all’85% delle colonnine disponibili

Milano – Da oggi, 1° Marzo 2019, grazie a un accordo specifico con BMW in Italia è disponibile ChargeNow, il servizio dedicato alle vetture elettriche per la ricerca e l’utilizzo delle stazioni di ricarica pubbliche. Iscrivendosi al servizio, con l’utilizzo di una sola app/card si avrà a disposizione un unico interlocutore e sarà necessaria una sola utenza per interfacciarsi con i principali operatori, potendo disporre del più ampio network di ricarica a livello globale.

ChargeNow consente l’utilizzo di oltre 150.000 punti di ricarica in 29 Paesi in tutto il mondo e garantisce una copertura in europa dell’80% delle oltre 100.000 stazioni esistenti. In Italia le stazioni in cui è possibile ricaricare la propria vettura sono circa 2.800, di cui 104 a ricarica rapida, ossia l’85% delle colonnine disponibili. Il numero di punti di ricarica disponibili per gli utilizzatori di ChargeNow è in costante aumento, rendendo la rete sempre più capillare, estesa e accessibile. I punti di ricarica di Enel, Repower, Alperia, Duferco, EVA+, EMOBITALY e Route220 fanno già parte del network di stazioni accessibili grazie a ChargeNow.

Grazie all’accordo tra BMW e ChangeNow, la card per accedere al servizio si può richiedere presso le Concessionarie di BMW Group o registrandosi sul sito di ChargeNow o tramite l’app (disponibile per IOs e Android). L’app ChargeNow consente di ricercare la stazione di ricarica più vicina o adatta alle proprie esigenze, cui poi si accederà per ricaricare la propria auto grazie alla RFID card, gestendo la fatturazione delle ricariche in modo digitale. 

Il presidente della BMW Group Harald Krueger (a sinistra) e il presidente di Daimler AG Dieter Zetsche (a destra) si stringono la mano per segnare un nuovo accordo di partnership tra i due gruppi, nel caso di SHARE NOW sul car sharing

Una volta ricevuta ed attivata la carta tramite il sito di ChargeNow, l’utente potrà ricaricare la propria auto in Italia e in Europa presso i provider di energia della rete ChargeNow. Sono disponibili due tariffe: “ChargeNow Flex” che prevede la fatturazione sulla base dei costi di ricarica di ogni singolo provider delle stazioni e “ChargeNow Active” che prevede un costo fisso mensile di 2,95€/mese e un costo per la ricarica diverso a seconda che si utilizzi una colonnina in corrente alternata o in corrente continua, indipendentemente dal fornitore.

ChargeNow è una delle cinque joint venture tramite cui BMW Group e Daimler AG stanno unendo i loro servizi di mobilità per creare un nuovo attore globale per la mobilità urbana sostenibile dei clienti. Le due case automobilistiche stanno investendo insieme oltre 1 miliardo di euro per sviluppare e integrare ulteriormente le loro offerte di car-sharing, ride-hailing, parking, ricarica e trasporto multimodaleChargeNow è un servizio di Digital Charging Solutions GmbH (DCS) e la sua rete di ricarica consente l’abbattimento delle emissioni nocive, rendendo più semplici le procedure di ricarica. 

BMW Group è da sempre attento alle tematiche ambientali ed è tra i pionieri della mobilità elettrica, avendo lanciato nel 2013 la BMW i3, la prima vettura a trazione completamente elettrica del gruppo con sede a Monaco di Baviera. BMW ha consegnato oltre 140.000 vetture elettriche nel 2018 e detiene una quota di mercato del 9% a livello globale di vetture di tale tipologia. In Italia, nel 2018 BMW Group ha venduto 2.359 veicoli elettrici con marchio BMW i, BMW e MINI, che hanno assicurato al gruppo bavarese il 25% del mercato nazionale di vetture elettriche.

L’accordo con ChargeNow è volto a fornire ai clienti del gruppo uno strumento di semplificazione gestionale e, allo stesso tempo, uno strumento per rendere più fruibile la propria vettura elettrica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se hai gradito questo articolo, clicca per favoreMi piacesulla pagina Facebook di The Horsemoon Post (raggiungibile qui), dove potrai commentare e suggerirci ulteriori approfondimenti. Puoi seguirci anche su Twitter (qui) Grazie.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.