Scoperto in California l’effetto anti-stress della nocicettina. Ricerca coordinata da una ricercatrice italiana

Una ricerca condotta da un’equipe di ricercatori dello Scripps Research Institute (TSRI), in California, del National Institutes of Health (NIH) e dell’Università di Camerino, sotto il coordinamento di Marisa Roberto – ricercatrice italiana – ha individuato un sistema naturale di moderazione degli effetti dello stress. La ricerca ha avuto il supporto finanziario congiunto americano e tedesco

20140111-nocicettina-cervello-decisioni-660X371

La Jolla – Un gruppo di scienziati dello Scripps Research Institute (TSRI), del National Institutes of Health (NIH) e dell’Università di Camerino hanno pubblicato uno studio su un sistema del cerebrale che modera gli effetti dello stress in modo naturale. I risultati dello studio confermano l’importanza di questo sistema per smorzare lo smorzamento, denominato sistema nocicettina, come un potenziale obiettivo per terapie contro disturbi d’ansia e altre condizioni legate allo stress.

«Siamo stati in grado di dimostrare la capacità di questo sistema anti-stress fondato sulla nocicettina per prevenire e addirittura invertire alcuni degli effetti cellulari di stress acuto in un modello animale», ha dichiarato Marisa Roberto, biologa italiana che è professore associato al centro di ricerche vicino a San Diego, California. La professoressa Roberto è stata la coordinatrice della ricerca, pubblicata l’8 gennaio scorso sulla rivista scientifica Journal of Neuroscience.

La nocicettina, prodotto nel cervello, appartiene alla famiglia dei neurotrasmettitori oppioidi, ma la somiglianza finisce lì. La nocicettina lega ai propri recettori specifici chiamati recettori NOP e non si lega bene ad altri recettori oppioidi. Gli scienziati che la scoprirono a metà degli anni ‘90 osservarono che quando viene iniettata nel cervello dei topi, non uccide il dolore, fa peggio del dolore.

La molecola è stata chiamata per questo “nocicettina” (trasmittente dolore). Studi successivi hanno dimostrato che, attivando il suo corrispondente recettore NOP, la nocicettina ha agito come un antiopioide e non solo colpendo la percezione del dolore, ma anche bloccando le proprietà gratificanti di oppioidi come la morfina e l’eroina.

Diversi studi nei roditori hanno scoperto che la nocicettina può agire nell’amigdala, una parte del cervello che controlla le risposte emozionali di base, per contrastare i soliti effetti ansiogeni causati dallo stress acuto. La ricerca ha mostrato come questa attività avvenga anche in modo automatico, come parte di una reazione naturale di risposta di smorzamento dello stress.

Gli scienziati hanno voluto sapere di più circa l’attività anti-stress del sistema nocicettina/NOP, in parte perché potrebbe offrire un modo migliore per trattare le condizioni legate allo stress. Questi ultimi sono comuni nelle società moderne, tra cui il disturbo post-traumatico da stress, così come lo stress da abbandono della droga, che spesso sconfigge gli sforzi fatti dai tossicodipendenti per liberarsi dal vizio.

Per il nuovo studio, la professoressa Roberto e i suoi collaboratori hanno focalizzato nei dettagli il sistema nocicettina/NOP nell’amigdala centrale.

Anzitutto, il laboratorio di Markus Heilig presso il National Institute on Alcohol Abuse and Alcoholism (NIAAA), una sezione del part of the NIH (National Institutes of Health), ha misurato l’espressione di geni codificanti NOP nell’amigdala centrale dei ratti. La squadra di Heilig ha trovato forti evidenze che lo stress cambia l’attività di nocicettina/NOP in questa regione del cervello, indicando che il sistema effettivamente funziona come un meccanismo di feedback per smorzare gli effetti dello stress. Negli animali sottoposti a una condizione di carico standard di laboratorio, l’attività del gene NOP è stato rilevato in forte aumento, come per compensare lo stress elevato.

La professoressa Roberto e laboratorio del TSRI ha poi usato una tecnica separata per misurare l’attività elettrica dei neuroni sensibili allo stress nell’amigdala centrale. Come previsto, è stato osservato che questa attività è aumentata quando i livelli dell’ormone dello stress CRF si alzano e vengono rilevati a livelli ancora più elevati nei topi stressati. Questa attività neuronale sensibile allo stress potrebbe però essere abbassata aggiungendo nocicettina. L’effetto di blocco dello stress è stato particolarmente pronunciato nei ratti particolarmente stressati, probabilmente a causa della loro crescita indotta da stress nei recettori NOP.

Infine, il biologo Roberto Ciccocioppo e il suo laboratorio presso l’Università di Camerino hanno condotto una serie di esperimenti comportamentali che dimostrano che le iniezioni di nocicettina nell’amigdala centrale del ratto hanno fortemente ridotto i comportamenti ansiosi – come nei topi stressati – ma non ha mostrato alcun effetto comportamentale nei ratti non stressati.

Le tre serie di esperimenti dimostrano insieme, ha affermato la professoressa Roberto, che «l’esposizione allo stress porta ad una sovra-attivazione del sistema nocicettina / NOP nell’amigdala centrale, che sembra essere una risposta di ritorno adattivo progettato per portare il cervello indietro verso normalità».

Negli studi futuri, Marisa Roberto e i suoi colleghi sperano di determinare se questo sistema di feedback della nocicettina/NOP possa diventare in qualche modo disfunzionale in condizioni di stress cronico. «Ho il sospetto che lo stress cronico induca cambiamenti nei neuroni dell’amigdala, che possono contribuire allo sviluppo di alcuni disturbi d’ansia”, ha dichiarato la ricercatrice italiana trapiantata in California.

Composti che imitano nocicettina attivando i recettori NOP – ma, a differenza nocicettina in forma di pillola – sono in fase di sviluppo da parte di alcune aziende farmaceutiche. Alcuni di questi farmaci sembrano essere sicuri e ben tollerati nella sperimentazione di laboratorio, presto potrebbero essere pronti per i test su pazienti umani, ha ammesso il professor Ciccocioppo.

Altri partecipanti allo studio , “stress Restraint altera nocicettina / orfanina sistemi FQ e CRF nel ratto amigdala centrale : significato per i comportamenti ansia -like , ” erano Giordano de Guglielmo e Massimo Ubaldi dell’Università di Camerino , Anita Hansson , che ha lavorato in il laboratorio Heilig al NIAAA durante lo studio , Marsida Kallupi , che ha lavorato sia in laboratorio Roberto a TSRI e il Laboratorio Ciccocioppo dell’Università di Camerino durante lo studio , e Maureen Cruz e Christopher oleata di TSRI . vedere http://www.jneurosci.org/content/34/2/363.abstract

La ricerca è stata finanziata dal National Institutes of Health, dal the Pearson Center for Alcoholism and Addiction Research del TSRI e dalla Fondazione Tedesca per la Ricerca (German Research Foundation).

Lo Scripps Research Institute è uno dei più grandi centri di ricerca indipendenti del mondo, non ha fini di lucro e si concentra sulla ricerca nel campo delle scienze biomediche. È riconosciuto a livello internazionale per i suoi contributi alla scienza e alla salute e ha svolto importanti innovazioni in merito a trattamenti per il cancro, l’artrite reumatoide, l’emofilia e altre malattie. Deriva dalla Scripps Metabolic Clinic fondata dal filantropo Ellen Browning Scripps nel 1924, l’istituto oggi impiega circa 3.000 persone nei suoi campus a La Jolla in California, e a Jupiter, in Florida.

Credit: Adnkronos/AGI

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Shares
Shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: