Alleanza Alitalia-Etihad, Lufthansa: “Aiuti pubblici mascherati”

Trattativa alla stretta finale. Del Torchio: “Settimana decisiva”

20140203-luftansa-660x439

Francoforte – La trattativa tra Alitalia e l’araba Etihad è alla stretta finale. Nella settimana decisiva la compagnia aerea Lufthansa ha puntato il dito contro i progetti di partenariato, intravedendo nel piano una forma di aiuti pubblici mascherati.

Bocciamo le sovvenzioni a ripetizione oltre che la nazionalizzazione parziale delle compagnie aeree europee, indipendentemente dal fatto che queste provengano da Stati europei o da aziende pubbliche fuori dall’Unione europea“, scrive il gruppo tedesco. “Invitiamo la Commissione europea a vietare simili tattiche di aggiramento” delle regole sulla concorrenza, ha aggiunto Lufthansa.

Il futuro di Alitalia, dunque, si deciderà nei prossimi giorni. “Siamo nella fase più importante della trattativa, che parte questa settimana con lo scambio di informazioni per redigere insieme il nuovo piano industriale di Alitalia all’interno della logica Ethiad, per mettere in sicurezza l’azienda e guardare con serenità al futuro“, ha detto l’amministratore delegato della ex compagnia di bandiera, Gabriele Del Torchio, intervistato a “L’Economia Prima di Tutto” su Rai Radio1, in merito al rush finale di trattativa con gli arabi di Ethiad.

Ieri, infatti, Alitalia e Etihad Airways hanno annunciato l’avvio della fase finale di una due diligence volta al possibile investimento di Etihad in Alitalia. Nei prossimi 30 giorni entrambe le compagnie e i loro advisor stabiliranno come sviluppare una strategia comune per raggiungere gli obiettivi che i due vettori si sono prefissati. La due diligence dovrà affrontare e risolvere tutti i temi che possano pregiudicare la definizione di un adeguato piano industriale, la cui completa realizzazione produrrà una redditività sostenibile per Alitalia.

Io sono realista. Negli ultimi mesi abbiamo fatto cose importanti: l’aumento di capitale, la nuova base di azionisti tra cui le due banche più importanti d’Italia e poste italiane, oltre agli azionisti storici. Ora ci stiamo concentrando sulle prossime mosse, per guardare al futuro, e con Ethiad si va esattamente in questa direzione“, ha sottolineato Del Torchio.

E la collaborazione di Alitalia con le banche “va bene, anche su questo fronte facciamo passi avanti“. Commentando le indiscrezioni di stampa che parlano di linee di credito da parte delle banche inferiori ai 200 milioni di euro attesi, Del Torchio spiega: “tra poche ore firmeremo il contratto di finanziamento con le banche e dunque doteremo Alitalia di ulteriori mezzi finanziari, sono soddisfatto. Anche qui facciamo passi avanti. Ora si apre la fase più delicata ma come ha detto il premier Letta non ho dubbi che tutti“, comprese le banche, “faranno la loro parte” per un esito positivo della trattativa con Ethiad.

Sul fronte della trattativa per l’ingresso dei soci degli emirati, ora al rush finale, Del Torchio riconosce che un focus particolare sarà sul debito di Alitalia: “certamente l’ottimizzazione dello stato patrimoniale e la struttura del debito saranno molto importanti” nella trattativa con Ethiad, “ma soprattutto con l’idea di mettere in sicurezza l’azienda faremo passi avanti anche su questo“, assicura il manager Alitalia.

Credit: TMNews

Shares
Shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: