Tesla Revolution continua: a marzo appuntamento al Golf Club “Le Robinie”

La seconda edizione dell’happening di approfondimento sulla cultura della motorizzazione elettrica e sulle nuove frontiere della rivoluzione energetica corrente si svolgerà il 25 Marzo nello splendido scenario del Golf Club “Le Robinie” di Solbiate Olona. Un appuntamento che valica il brand Tesla e promuove una filosofia che coniuga motorizzazione, libertà di movimento e rispetto dell’ambiente

Vicenza – È stata svelata questa mattina la seconda edizione di Tesla Revolution 2017, che si svolgerà il 25 Marzo 2017 nello splendido scenario del Golf Club “Le Robinie” di Solbiate Olona, in provincia di Varese.

20161205-tesla-revolution-2017-lerobinieUn happening che intende diventare una costante di approfondimento sui temi della cultura della motorizzazione elettrica e delle nuove frontiere della rivoluzione energetica attorno al brand Tesla, promosso dal Tesla Club Italia, un’associazione che riunisce proprietari e sostenitori della casa automobilistica californiana fondata da Elon Musk, che però rimane estranea a questo evento, circostanza che ne accresce l’indipendenza e la valenza di evento culturale ed economico.


Alla prima prima edizione, svoltasi a Verona nel Marzo di quest’anno, seguirà dunque quella ospitata in un luogo strategico, vicino al confine con la Svizzera, anche per rispondere alle richieste degli interessati – pubblico e proprietari di automobili Tesla – che hanno richiesto di organizzare analoghi eventi in altre regioni d’Italia.

Tesla Club Italia si pone l’ambizioso obiettivo di incrementare i partecipanti del 50%, raggiungendo così 400 persone, coinvolgendo professionisti, imprenditori, aziende e semplici interessati al prodotto Tesla, ma più in generale ad approfondire il tema della rivoluzione in corso nella mobilità elettrica. Lo scorso anno, l’evento ha registrato la partecipazione di interessati da tutta Italia, anche dal Centro e dal Sud, conferendo all’appuntamento una valenza nazionale. 

La corposa risposta positiva ha spinto gli organizzatori a rimodulare l’organizzazione, in funzione dei più ambiziosi obiettivi, possibili da raggiungere grazie a un’agenda più ricca e dinamica, non a detrimento dei contenuti di riflessione, attraverso la partecipazione di numerosi conferenzieri che arricchiranno gli astanti su svariati temi.  

I partecipanti di Tesla Revolution 2017 potranno sfruttare la manifestazione per incontrare 20161205-federico-lagnie conoscere tutti gli altri partecipanti, il che rende l’evento particolarmente prezioso anche da un punto di vista relazionale”, commenta Federico Lagni (nella foto a destra), fondatore di Tesla Club Italy.

All’appuntamento saranno presenti tutti i modelli Tesla: Roadster, Model S e Model X. Non ancora la Model 3, che però sarà al centro degli interventi in programma, costituendo una evoluzione di prodotto rivolta a un mercato maggiore, sia per i costi che per le dimensioni. Ma il dibattito potrà anche svilupparsi sulle tematiche connesse, come i sistemi di ricarica per veicoli elettrici, la guida autonoma, i sistemi di accumulo dell’energia, lo sviluppo delle case passive ed off-grid, il fotovoltaico. Non mancherà un’analisi dello sviluppo della mobilità elettrica in Italia e dell’adeguamento infrastrutturale, condizione indispensabile perché la mobilità elettrica possa svilupparsi in modo capillare.

Insomma, un appuntamento da non mancare per capire cosa accade nell’enigmatico mondo della Rivoluzione Elettrica.

Photo Credit: Tesla, Tesla Club Italia, Golf Club “Le Robinie” © RIPRODUZIONE RISERVATA

Se hai gradito questo articolo, clicca per favoreMi piacesulla pagina Facebook di The Horsemoon Post (raggiungibile qui), dove potrai commentare e suggerirci ulteriori approfondimenti. Puoi seguirci anche su Twitter (qui) Grazie.


banner-solidali-istituzionale-468x60

Shares

John Horsemoon

Sono uno pseudonimo e seguo sempre il mio dominus, del quale ho tutti i pregi e i difetti. Sportivo e non tifoso, pilota praticante(si fa per dire...), sempre osservante del codice: i maligni e i detrattori sostengono che sono un “dissidente” sui limiti di velocità. Una volta lo ero, oggi non più. Correre in gara dà sensazioni meravigliose, farlo su strada aperta alla circolazione è al contrario una plateale testimonianza di imbecillità. Sul “mio” giornale scrivo di sport in generale, di automobilismo e di motorsport, ma in fondo continuo a giocare anche io con le macchinine come un bambino.

Shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: