CinemaIn Primo Piano

The Salvation, quando l’omaggio diventa sterile citazionismo

Ingenuo tentativo di Kristian Levring di omaggiare l’indubbio fascino del cinema western

20150608-Salvation


Jon è un uomo per bene che ha duramente lavorato per costruirsi una nuova vita negli Stati Uniti, dopo il trasferimento dalla Danimarca. Quando finalmente la moglie e il figlio lo raggiungono, accadrà la tragedia e Jon cercherà vendetta, trasformandosi nell’uomo che mai aveva pensato di diventare.

C’è un confine ben preciso tra l’omaggiare un genere cinematografico e volerne calcare gli schemi per dar vita a un prodotto che rechi in sé una propria dignità artistica, nonché il marchio di fabbrica del suo autore. Purtroppo, con “The Salvation” ci troviamo dalle parti della prima categoria: non preoccupandosi di approfondire ulteriormente i suoi protagonisti, talmente stilizzati che rasentano quasi tutti il corrispettivo archetipo narrativo, l’attenzione è maggiormente rivolta al comparto tecnico che trova nella fotografia nitidissima la sua unica ragion d’essere.

Il peccato è doppiamente scottante quando alla regia ci si ritrova a leggere il nome di Kristian Levring, fondatore insieme a Lars von Trier e Thomas Vinteberg del celebre movimento Dogma 95. La sua è una direzione calibratissima, ma crolla irrimediabilmente quando a quell’omaggio costantemente inseguito non corrisponde un’adeguata scelta stilistica, priva di quel senso dell’epica tanto caro ai grandi maestri del western americano, così come non c’è alcuna traccia dell’ironia congeniale agli script di leoniana memoria.

Eppure si disponeva del talento innegabile di Mads Mikkelsen, unico vero motivo per cui seguire la narrazione fino alla sua didascalica conclusione, e di una Eva Green privata della parola e inserita in una serie di quadretti che rimandano al cinema muto. Jeffrey Dean Morgan ed Eric Cantona sono incolpevoli portatori dei loro personaggi bidimensionali, ma grazie alla loro fisicità riescono perlomeno a lasciare un segno. Cosa che invece non fa l’effettistica: appare infatti impensabile che arrivati al giorno d’oggi si debbano osservare una serie di trucchi ed effetti speciali indegni persino di Paint.  

Presentato nell’edizione 2014 del Festival di Cannes, “The Salvation” sarà nelle sale italiane a partire dal prossimo 11 giugno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Il trailer italiano del film:

Se hai gradito questo articolo, clicca per favoreMi piacesulla pagina Facebook di The Horsemoon Post (raggiungibile qui), dove potrai commentare e suggerirci ulteriori approfondimenti. Puoi seguirci anche su Twitter (qui) Grazie.