Deprecated: Hook custom_css_loaded is deprecated since version jetpack-13.5! Use WordPress Custom CSS instead. Jetpack non supporta più il CSS personalizzato. Leggi la documentazione WordPress.org per scoprire come applicare gli stili personalizzati al tuo sito: https://wordpress.org/documentation/article/styles-overview/#applying-custom-css in /customers/8/8/d/horsemoonpost.com/httpd.www/newsite/wp-includes/functions.php on line 6085 Per la prima volta in Italia, James Tissot al Chiostro del Bramante | HORSEMOON POST
CulturaMostre & Eventi

Per la prima volta in Italia, James Tissot al Chiostro del Bramante

Da oggi al 21 febbraio 2016, a Roma in mostra istantanee di luce di fine Ottocendo. Da Londra e Parigi 80 opere in prestito del pittore transalpino vissuto in Inghilterra

20150926-james-tissot-chiostrodelbramante-800x340

Roma – Per la prima volta in Italia, il Chiostro del Bramante ospita una monografica su James Tissot, pittore francese – ma inglese di adozione – del quale sono esposte 80 opere provenienti da musei internazionali come la Tate di Londra, il Musée d’Orsay e il Petit Palais di Parigi. Dal 26
20141113-Banner-Totelia(300pxx250px)biancosettembre al 21 febbraio, incisioni e pitture consentiranno di conoscere un artista poco noto nel nostro Paese ma fortemente apprezzato a livello internazionale per la raffinata capacità di raffigurare la realtà di fine Ottocento.

Formatosi all’Ecole des Beaux Arts a Parigi, con insegnanti come Ingres e Flandrin, a soli 23 anni espose al Salon riscontrando da subito un successo di pubblico per il colorismo struggente e per quelle istantanee nitide sulla vita quotidiana dell’alta società francese – e poi inglese – che, proprio in quegli anni, iniziava la scalata economica e sociale.

Donne piene di fascino, eleganti, avvolte in morbidi e preziosi vestiti, sfilano sicure davanti agli occhi dello spettatore e dello stesso pittore che indaga finemente i particolari, lasciando intravedere anche i sussulti dell’animo. Negli sguardi assorti, curiosi, forse annoiati dalle feste e dai teatri – obbligo per coloro che desideravano un ingresso in società – si legge tutta un’epoca, in cui i nuovi ricchi, grazie alla rivoluzione industriale e al colonialismo, avevano la necessità di celebrare il proprio status.

[slideshow_deploy id=’54085′]

Nelle tele di Tissot non ci sono però solo le feste scintillanti, le risate, i pettegolezzi, lo sventolìo dei ventagli, il rumore dei passi di danza, c’è spazio anche per la vita quotidiana fatta di silenzi, passeggiate, picnic, letture, sguardi, amori segreti. L’artista riuscì a cogliere pienamente il fermento e l’intimità, soffermandosi sulla bellezza femminile, fatta di abiti alla moda e di riservatezza e resa con pennellate minuziose – piene di una luce figlia degli impressionisti e di sentimento di matrice preraffaellita – che si poggiano delicatamente sulla tela come una carezza.

Questo realismo sicuro, in parte ostentato grazie alla consapevolezza data dal successo e dal legame con ambienti conservatori e liberali, valse a Tissot plausi e e critiche da parte di chi – soprattutto a Londra – vide in quelle tele solo delle fotografie, prive di valore. Eppure nel tratto dell’artista francese non si può non scorgere un sottile lirismo, in cui forse già è possibile rintracciare la spinta verso la crisi mistica che lo porterà, al culmine della carriera, a trasferirsi in Palestina dove realizzerà disegni e acquerelli sul Nuovo Testamento. Un’inclinazione che lo lega a pittori come Manet, Degas, Whistler, capaci come l’artista di Nantes di osservare con cuore libero la profondità del reale e le pieghe dell’animo umano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se hai gradito questo articolo, clicca per favoreMi piacesulla pagina Facebook di The Horsemoon Post (raggiungibile qui), dove potrai commentare e suggerirci ulteriori approfondimenti. Puoi seguirci anche su Twitter (qui) Grazie.


Save the Children Italia Onlus

JAMES TISSOT, CHIOSTRO DEL BRAMANTE | Via Arco della Pace, 5 – 00186 Roma

APERTURA MOSTRA: eccezionalmente – e solo per sabato 26 settembre – l’esposizione aprirà al pubblico dalle ore 10.00 alle ore 16.00 [la biglietteria chiude alle ore 15.00]

ORARIO DI APERTURA: Tutti i giorni dalle 10.00 alle 20.00 – Sabato e domenica dalle 10.00 alle 21.00 (la biglietteria chiude un’ora prima)

APERTURE STRAORDINARIE
1 novembre 10.00 – 21.00
8 dicembre 10.00 – 20.00
24 dicembre 10.00 – 17.00
25 dicembre 16.00 – 21.00
26 dicembre 10.00 – 21.00
31 dicembre 10.00 – 18.00
1 gennaio 12.00 – 21.00
6 gennaio 10.00 – 21.00

BIGLIETTI
– Intero € 13,00 (audioguida inclusa)
– Ridotto € 11,00 (audioguida inclusa)
65 anni compiuti (con documento); ragazzi da 11 a 18 anni non compiuti; studenti fino a 26 anni non compiuti (con documento); militari di leva e appartenenti alle forze dell’ordine; portatori di handicap; giornalisti con regolare tessera dell’Ordine Nazionale (professionisti, praticanti, pubblicisti);
– Ridotto Gruppi € 10,00 
prenotazione obbligatoria, min 15 max 25 pax, microfonaggio obbligatorio
– Ridotto bambini € 5,00 bambini da 4 a 11 anni non compiuti
– Ridotto Scuole € 5,00 
prenotazione obbligatoria min 15 max 25 pax, 
– Ridotto scuola dell’infanzia € 3,00 
(prenotazione obbligatoria min 15 max 25 pax)
– Ridotto Speciale € 9,00 (audioguida inclusa)
– Guide con tesserino se non accompagnano un gruppo;
– Omaggio (audioguida inclusa)
– Bambini fino a 4 anni non compiuti; accompagnatori di gruppi (1 ogni gruppo); insegnanti in visita con alunni/studenti (2 ogni gruppo); soci ICOM (con tessera); un accompagnatore per disabile; possessori di coupon di invito; possessori di Vip Card Arthemisia Group; possessori di Card Amici del Chiostro del Bramante; giornalisti con regolare tessera dell’Ordine Nazionale (professionisti, praticanti, pubblicisti) in servizio previa richiesta di accredito da parte della Redazione all’indirizzo ads@arthemisia.it (per urgenze M +39 345 7503572)

INFO E PRENOTAZIONI T +39 06 916 508 451 | BIGLIETTERIA ONLINE http://www.ticket.it/tissot

http://chiostrodelbramante.it

[google_maps id=”54081″]