Deprecated: Hook custom_css_loaded is deprecated since version jetpack-13.5! Use WordPress Custom CSS instead. Jetpack non supporta più il CSS personalizzato. Leggi la documentazione WordPress.org per scoprire come applicare gli stili personalizzati al tuo sito: https://wordpress.org/documentation/article/styles-overview/#applying-custom-css in /customers/8/8/d/horsemoonpost.com/httpd.www/newsite/wp-includes/functions.php on line 6078 “Tracce di Guerra della Collezione La Lumia” a Licata | HORSEMOON POST
CulturaIn Primo PianoMostre & Eventi

“Tracce di Guerra della Collezione La Lumia” a Licata

Il 24 ed il 25 ottobre la famiglia La Lumia apre le porte del palazzo con una tavola rotonda e una mostra

Licata – Il 24 e il 25 ottobre, la famiglia La Lumia apre le porte del palazzo di corso Umberto di Licata per l’esposizione “Tracce di guerra. Collezione La Lumia” con cui, grazie all’idea di Salvatore La Lumia, si presenta, per la prima volta, un gruppo di documenti e oggetti inediti ritrovati, negli ultimi mesi, nei bauli e nelle casse. Lettere, fotografie, materiale bellico, mappe, diari della campagna d’Africa, cartoline, bossoli di cannone, un moschetto Balilla, tessere di partito, monete, apparecchiature per radiocomunicazione, sono frutto dell’intensa corrispondenza, anche politica, dell’onorevole Ignazio La Lumia Aldisio – nonno del barone Nicolò – e dell’uso del palazzo come quartier generale delle truppe americane e della campagna di contrada Pozzillo come deposito munizioni.

L’apertura della Mostra sarà preceduta da una tavola rotonda, coordinata dal sociologo e giornalista Francesco Pira, docente di comunicazione all’Università di Messina, che vedrà la partecipazione oltre che del dottor Salvatore La Lumia, vero motore dell’evento culturale, la testimonianza attesissima del papà Barone Nicolò La Lumia, e gli interventi del dottor Angelo Cambiano, sindaco di Licata, del professor Ezio Costanzo, giornalista e scrittore e fondatore del Museo della Resistenza di Catania, degli storici, professori Carmela Zangara e Luigi Falletti. Il tema dell’incontro sarà quello della Memoria e dei luoghi, degli oggetti e delle testimonianze della guerra e dello sbarco americano nelle nostre coste. Subito dopo questo incontro, riservato a tour operator , giornalisti ed esperti di turismo e comunicazione territoriale la mostra sarà aperta.

I partecipanti saranno accolti, nella prima sala, da un video-racconto del barone Nicolò La Lumia che anticiperà ciò che gli oggetti e documenti mostreranno seguendo un percorso cronologico. Allora bambino, i suoi occhi hanno seguito tutte le fasi di una delle pagine più amare e importanti della contemporaneità europea; la storia della sua famiglia si è intrecciata con quella di Licata, della Sicilia e dell’Italia intera lasciando numerose testimonianze che, oggi, la famiglia La Lumia ha scelto di condividere per aggiungere un tassello alla ricerca e alla conoscenza di quegli anni.

Luoghi della memoria, le sale del palazzo rivivono in quegli oggetti lasciati da coloro che temporaneamente le vissero e da coloro che, da secoli, ne sono fedeli custodi di bellezza; risuonano racconti, aneddoti, parole, in una narrazione eterna che diviene testimonianza storica – diviene – grazie ai preziosi contributi degli storici Carmela Zangara, Calogero Carità, Luigi Falletti -, voce fondamentale per la ricostruzione di un passato recente in cui la città di Licata giocò un ruolo centrale.

L’esposizione, dopo sabato e domenica, sarà visitabile in modo permanente su prenotazione presso la Tenuta Barone La Lumia (contrada Pozzillo) in modo permanente.


Palazzo La Lumia – corso Umberto 70 – Licata (AG)

24 ottobre: apertura dalle ore 18 alle ore 21 – 25 ottobre: apertura dalle ore 10 alle ore 13 – Ingresso libero

Info: salvolalumia@gmail.com – Pagina facebook: Tenuta La Lumia

John Horsemoon

Sono uno pseudonimo e seguo sempre il mio dominus, del quale ho tutti i pregi e i difetti. Sportivo e non tifoso, pilota praticante(si fa per dire...), sempre osservante del codice: i maligni e i detrattori sostengono che sono un “dissidente” sui limiti di velocità. Una volta lo ero, oggi non più. Correre in gara dà sensazioni meravigliose, farlo su strada aperta alla circolazione è al contrario una plateale testimonianza di imbecillità. Sul “mio” giornale scrivo di sport in generale, di automobilismo e di motorsport, ma in fondo continuo a giocare anche io con le macchinine come un bambino.