Obama apre a un accordo con i Repubblicani sull’immigrazione

Pronto a escludere percorso ‘privilegiato’ verso la cittadinanza.Il presidente degli Stati Uniti cerca un compromesso, dopo la presentazione del progetto di legge repubblicano da parte dello speaker della Camera dei Rappresentanti, John Boehner

20140201-barack-obama-660X440

New York – Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, è apparso disponibile ad accettare una riforma dell’immigrazione che non preveda un percorso speciale verso la cittadinanza per gli immigrati in modo illegale nel Paese, andando incontro alle richieste dei Repubblicani, nonostante sia uno dei punti che molti democratici ritengono non negoziabile.

In un’intervista alla Cnn, Obama ha dichiarato che “se lo speaker (il presidente della Camera dei Rappresentanti, John Boehner, repubblicano, ndr) propone qualcosa che dice: ‘Le persone non saranno espulse, le famiglie non saranno divise, saremo in grado di attrarre gli studenti migliori e ci sarà un regolare processo verso la cittadinanza’, non sono sicuro che il divario sia così ampio” tra Repubblicani e Democratici.

John BoehnerQuello che mi incoraggia è il fatto che Boehner e altri sembrino riconoscere che il nostro Paese sarebbe più forte se fossimo capaci di risolvere questo problema in modo che i bambini, per esempio, cresciuti qui e che in pratica sono americani ma non hanno i documenti, non siano puniti“, ha spiegato Obama, con una visione lucida e realistica del problema.

La questione principale per il presidente è che gli immigrati clandestini siano in grado di regolarizzare la propria presenza nel Paese e di poter a quel punto, come qualsiasi altro cittadino, avviare la normale pratica per ottenere la cittadinanza. “Credo che il principio per cui non vogliamo due classi di persone in America è un principio su cui molte persone sono d’accordo, non solo io e non solo i democratici” ha detto.

Alla domanda se il percorso ‘speciale‘ verso la cittadinanza possa essere abbandonato se necessario per ottenere un compromesso, Obama non ha respinto l’ipotesi, visto che è molto importante “risolvere queste questioni, incluso il rafforzamento dei confini e la creazione di un sistema dell’immigrazione legale che funzioni meglio di ora“, ha spiegato.

Due giorni fa, il presidente della Camera dei Rappresentanti, John Boehner, ha presentato i principi cardine della proposta repubblicana: regolarizzazione possibile per gli 11 milioni di immigrati che vivono clandestinamente negli Stati Uniti e percorso verso la cittadinanza, ma solo per quelli arrivati nel Paese da bambini, a patto che prima siano rafforzate le misure di sicurezza nel Paese e soprattutto i controlli ai confini con il Messico.

Credit: TMNews

Shares
Shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: