Obama apre a un accordo con i Repubblicani sull’immigrazione

Pronto a escludere percorso ‘privilegiato’ verso la cittadinanza.Il presidente degli Stati Uniti cerca un compromesso, dopo la presentazione del progetto di legge repubblicano da parte dello speaker della Camera dei Rappresentanti, John Boehner

Leggi il seguito

Usa, shutdown: i repubblicani offrono a Obama un’intesa temporanea sul debito

Proposto un piano per un aumento del tetto per sei settimane in cambio di un vero impegno a negoziare. Lo speaker Boehner: ”Il Gop ha deciso di muoversi a metà strada verso il presidente”. La Casa Bianca: ”Aperti a valutare l’offerta, mettere fine a queste crisi fabbricate ad arte”

Leggi il seguito

Janet Yellen alla Fed, prima donna alla guida della Banca centrale Usa

L’attuale vice di Ben Shalom Bernanke, 67 anni, è laureata in economia a Yale ed è sposata al premio Nobel per l’economia George Akerlof. Ha insegnato a lungo all’Università di Berkeley. Obama annuncerà mercoledì alle 15 (le 21 in Italia) la nomina

Leggi il seguito

Tra Washington e Teheran riparte il dialogo. Obama telefona a Rouhani, questione nucleare risolvibile

Con un gesto senza precedenti, ma semplice nella sua essenza, il presidente americano alza il telefono per chiamare l’omologo iraniano. “Pronto Hassan, sono Barak. Abbiamo qualche problema da risolvere”. “Buongiorno Barak, parliamone”

Leggi il seguito

Siria, all’Onu intesa tra i Cinque membri permanenti. Risoluzione entro sabato notte

Il voto dopo che l’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche avrà completato l’analisi tecnica sulle modalità di distruzione e di verifica dell’arsenale chimico siriano

Leggi il seguito

Iran-Usa, la storia riparte a New York. Rouhani condanna i crimini del nazismo. È come Gorbaciov per l’URSS?

Il presidente iraniano: “Sono stati commessi contro molte persone, ebrei compresi”. Ma non cita l’Olocausto. Dopo oltre 30 anni di gelo nelle relazioni bilaterali, faccia a faccia tra il ministro degli Esteri iraniano e Kerry: “Clima molto positivo ma c’è ancora molto lavoro da fare”. Il leader di Teheran: “Volevate passi concreti? Li stiamo facendo”. Sul nucleare: accordo in tre mesi. Si respira un’aria di fiducia se non di vero e proprio ottimismo

Leggi il seguito

Rouhani all’Onu: l’Iran non è una minaccia per il mondo. Shoa crimine contro l’umanità

Toni moderati e rifiuto delle armi nucleari. Impegno per il dialogo. Le sanzioni colpiscono non le elite politiche, ma la gente comune. No all’uso della forza in Siria. L’apprezzamento di Obama. Hollande stringe la mano a Rouhani. Per Israele, il discorso del nuovo presidente iraniano è “pieno di ipocrisia”, ma il processo è avviato (disponibile il discorso integrale all’Onu di Rouhani)

Leggi il seguito

Hassan Rouhani continua nelle aperture verso l’Occidente: “Uniamo gli sforzi per il dialogo in Siria”

I presidente iraniano scrive al Washington Post e si offre come mediatore tra Damasco e i ribelli. “Il mondo è cambiato, non è più il tempo degli spargimenti di sangue, i capi di Stato mondiali devono trasformare le minacce in opportunità”. Anche la Confederazione mondiale delle Chiese orientali annuncia un incontro con i leader religiosi musulmani per aiutare il processo di pace

Leggi il seguito

Rouhani “apre” il dialogo con Occidente: “l’Iran non vuole la bomba atomica”. Scettico Netanyahu. Usa: parliamone

Il neo presidente libera 10 prigionieri politici e dichiara di aver parlato con Obama. Netanyahu: “È un lupo nei panni di una pecora, aumentiamo la pressione per arrestare il progetto nucleare”. Il 24 settembre, i presidenti di Iran e Stati Uniti saranno all’Onu per sondare la via diplomatica

Leggi il seguito

Assad: “non ho usato armi chimiche”. L’intelligence Usa gli dà ragione

In un’intervista alla Cbs, il presidente siriano denuncia la mancanza di prove, mentre fonti dell’intelligence statunitense parlano di “prove manipolate”. Il giudizio di Papa Francesco sulle armi chimiche e l’impegno della Santa Sede per una conferenza di pace. Fra le priorità: garantire l’unità del Paese, uguale cittadinanza a cristiani e musulmani, denunciare i legami dei ribelli con Al-Qaeda

Leggi il seguito

L’Onu lancia l’allarme alimentare per 200mila rifugiati siriani in Libano

Insufficienti i fondi del 2013 di fronte al crescente flusso di profughi. Rischio di crisi umanitaria in caso di un attacco militare. Dopo le minacce di un attacco Usa, ogni giorno arrivano in Libano 12mila siriani. Sostenere la campagna “EMERGENZA SIRIA”

Leggi il seguito

Iraq, dalla guerra al caos. Lo scenario che coinvolge la Siria

Dopo dieci anni di guerra, uno sguardo disincantato sull’Iraq, in tempi di nuova escalation militare internazioanle in Medio Oriente. E’ difficile sostenere che in Medio Oriente, in Iraq, il mondo occidentale non abbia fatto errori. Solo gli avvenimenti successivi all’intervento hanno fatto comprendere che l’intervento militare, anziché migliorare la situazione, ha contribuito ad una feroce destabilizzazione…le lessons learned hanno forse… fatto riflettere il Presidente degli Stati Uniti insieme ad altre argomentazioni di peso. La storia si svolge sottoi nostri occhi…

Leggi il seguito

Siria, il rebus di Barak Obama. Solo Russia e USA possono fermare il massacro in Siria

La “parlamentarizzazione” di Obama è un precedente pericoloso e contrario alla Costituzione. Alla base del rinvio dell’attacco, informazioni di intelligence non concordanti o scontro interno tra filo-petromonarchie e filo-russi? Il 44° presidente USA si confronta con la storia, non con la cronaca. Con Putin può fermare l’allargamento della guerra di conquista salafita. Il dissenso dei militari americani: mai alleati con AlQaeda!

Leggi il seguito

A Palermo manifestazione contro l’attacco alla Siria: “È una follia”

Nel capoluogo siciliano domani manifestazione contro l’imminente attacco USA contro il governo di Assad. Uno degli organizzatori: “La guerra è stata provocata da terroristi jihadisti finanziati dagli alleati degli americani”.

Leggi il seguito

Fermare l’attacco contro Damasco prima che sia troppo tardi

Troppe contraddizioni nella versione Usa sull’uso delle armi chimiche. Non si vuole aspettare nemmeno i risultati dell’inchiesta Onu. È falso pensare che un attacco militare aiuterà la conferenza di pace. Invece essa aiuterà gli islamisti, che vogliono dominare nell’opposizione

Leggi il seguito