Agenzia viaggi propone tour per immergersi “nel fascino di Cosa Nostra” (mavaff…)

Un’agenzia di viaggi di Trapani propone un tour a tema per promuovere il turismo in Sicilia. Il sindaco di Trapani inferocito. Dario Riccobono, Addiopizzo Travel: ci sarebbe da ridere se non fosse drammatico. Una cavalcata indecente di luoghi comuni che hanno stufato i siciliani perbene

Trapani – La mafia (rigorosamente minuscola, come la merda!) come brand attrattivo? Chi potrebbe pensarci? Solo chi ha una confusione di valori talmente elevata da meritare più di una visita di controllo (non solo fiscale, tributaria, annonaria: psicologica, ma da un professionista molto bravo, meglio una équipe…).

La storia merita una riflessione, perché siamo al limite della sopportazione civica per chi – da siciliano – ha esaurito ogni pazienza nel dover dimostrare di essere perbene, in un Paese di delinquenti conclamati, per il solo fatto di essere siciliano.

Questa agenzia di Trapani – di cui, per decenza, non nominiamo neanche la denominazione, tanto ci fa schifo l’operazione di merdomarketing (e ci teniamo bassi…) – propone un ‘mafia tour‘ per “immergersi nel mondo affascinante della mafia siciliana“, ossia un giro tra i luoghi di Cosa nostra che questi scienziati della comunicazione turistica propongono anche con un video, con tanto di fucile e coppola e finta sparatoria.

Il ‘mafia tour’ è inserito tra le escursioni proposte, visite guidate tra le leccornie siciliane (meritevoli di ogni attenzione), eccellenze enogastronomiche sicane che si fanno onore in tutto il mondo. “Visitate alcuni dei luoghi più interessanti e famosi legati alla storia della mafia siciliana in Sicilia occidentale e conoscerete gli eventi passati e recenti sulla scena politica dell’isola“,  spiega il tour operator, riservando la possibilità di scegliere tra un tour di mezza giornata (4-5 ore) per fare “una visita a Salemi per il museo della mafia siciliana o un altro luogo di vostra scelta” o una giornata intera “fatta di esperienze riguardanti Cosa Nostra“. Tour che includono anche “altre attrazioni, come ad esempio un incontro con un giornalista o altra persona coinvolta nella resistenza attiva contro i clan criminali di Cosa Nostra“. 

Una specie di carrambata criminologica

Sarebbe ridicolo se non fosse drammatico. Usare la mafia come fosse un brand da valorizzare è un’offesa alle centinaia di vittime di Cosa nostra e ai loro familiari“, ha osservato Dario Riccobono, presidente di Addiopizzo Travel, all’AdnKronos. 

Inviperito il sindaco di Trapani. Ho già dato mandato all’Ufficio legale del Comune di inviare una formale diffida all’operatore turistico perché tolga dal sito il ‘mafia tour’ e domani informerò la Procura perché siano valutati eventuali profili di responsabilità penale. Chiederò l’intervento dei magistrati per oscurare il sito“, ha dichiarato – sempre all’agenzia di stampa del Gruppo Giuseppe Marra Communications, il sindaco di Trapani, Vito Damiano, “indignato” di fronte a una proposta indecente. “È una follia e un’offesa per la città e per l’intera Sicilia“, ha affermato Damiano.

Una bella promozione per un territorio da cui proviene il superlatitante Matteo Messina Denaro, all’indomani della manifestazione di Libera in occasione della Giornata della memoria, durante la quale un corteo di 12mila persone provenienti da tutta la Sicilia ha sfilato per manifestare tutto l’orrore dei siciliani perbene di fronte alla criminalità organizzata (che, come noto, è una montagna di merda, ndr).

Complimenti vivissimi. Presto, la neuro…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se hai gradito questo articolo, clicca per favoreMi piacesulla pagina Facebook di The Horsemoon Post (raggiungibile qui), dove potrai commentare e suggerirci ulteriori approfondimenti. Puoi seguirci anche su Twitter (qui) Grazie.


banner-solidali-istituzionale-468x60

Shares
Shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: