Deprecated: Hook custom_css_loaded is deprecated since version jetpack-13.5! Use WordPress Custom CSS instead. Jetpack non supporta più il CSS personalizzato. Leggi la documentazione WordPress.org per scoprire come applicare gli stili personalizzati al tuo sito: https://wordpress.org/documentation/article/styles-overview/#applying-custom-css in /customers/8/8/d/horsemoonpost.com/httpd.www/newsite/wp-includes/functions.php on line 6078 Denise Pipitone, al via gli scavi per cercare il corpo. A indicare il luogo una lettera anonima | HORSEMOON POST
NewsRegioniSicilia

Denise Pipitone, al via gli scavi per cercare il corpo. A indicare il luogo una lettera anonima

La missiva inviata alla trasmissione ‘Chi l’ha visto?’ è considerata attendibile dagli inquirenti. Sì della Procura a sopralluoghi e scavi nella spiaggia di contrada Ferla. La mamma di Denise: “Noi la cerchiamo viva, in questi anni sono state recapitate centinaia di lettere anonime e tutte senza esito”

20140505-denise-pipitone

Palermo  – La lettera anonima inviata nei giorni scorsi alla trasmissione ‘Chi l’ha visto?’, che indicava il luogo in cui sarebbe sepolto il corpo della piccola Denise Pipitone, scomparsa il primo settembre del 2004 da Mazara del Vallo (Trapani), all’età di quattro anni, è ritenuta attendibile dagli investigatori.

La Procura di Marsala, infatti, assegnerà oggi la delega agli investigatori per avviare i sopralluoghi e gli scavi nella spiaggia di contrada Ferla.

Nella lettera viene indicato un punto preciso, ma già nei giorni scorsi la mamma della piccola, Piera Maggio, aveva ribadito: “Noi continuiamo a cercare Denise viva. Non è il caso di creare allarmismi inutili. Le verifiche andranno fatte come sempre, in questi anni sono state recapitate centinaia di lettere anonime e tutte senza esito“.

Tuttavia, si può dire con certezza che qualcuno sa come siano andate le cose e questo qualcuno appartiene alla cerchia allargata della famiglia della povera Denise, vittima probabilmente di ignoranza bastarda che sconosce il valore della vita umana e che probabilmente per orgogli, false interpretazioni dell’onore, radicata cultura della robba ha sacrificato sull’altare del male la vita indifesa di una povera bimba di quattro anni.

(Fonte: Adnkronos)