Voli a lungo raggio, 10 consigli per affrontarli senza stress

Nell’avvicinarsi della stagione in cui gli italiani vanno più in vacanza, è utile ricordare alcuni suggerimenti per affrontare meglio i voli a lungo raggio ed evitare fastidi che ne potrebbero derivare

L’estate si sa è tempo di viaggi e vacanze. Sempre più gli italiani scelgono di utilizzare l’aereo per volare da un punto all’altro dell’Europa, confidando in una programmazione che consenta di trovare voli low cost per minimizzare la spesa e massimizzare il risultato di wellness. Se per un un volo all’interno dell’Europa – verso Londra, Parigi, Amsterdam – è ormai considerato un volo a breve raggio, spesso meno prolungato di un percorso mattutino per andare a lavorare in una grande città, e non necessita di preparativi ad hoc, i più fortunati che hanno programmato di compiere un volo verso una meta più lontana – Australia, Cina, Nuova Zelanda o altre destinazioni che necessitino di un volo maggiore di 10 ore – farebbero bene a prepararsi ad affrontare una trasferta che può riservare spiacevoli fastidi, se non conseguenze negative per la salute.

Di seguito ricordiamo dieci buoni suggerimenti per minimizzare o addirittura prevenire questi fastidi.

1 – Arrivare in aeroporto in anticipo – Le prescrizioni di sicurezza oggi sono molto ferree e richiedono controlli accurati per impedire a ogni minaccia terroristica di diventare pericolosa. Per i voli interocntinentali,  arrivare con molto anticipo sull’orario di partenza è una buona prassi. Se si arriva in aeroporto almeno 3 ore prima, sarà più agevole gestire check-in e imbarco sul volo con tranquillità, senza ansia e in modo da affrontare con serenità anche possibili piccoli imprevisti dell’ultimo minuto. Buona norma consultare al riguardo il sito web della compagnia aerea, per verificare le indicazioni al riguardo.

2 – Effettuare il check-in online. Effettuare il check-in online è sempre una ottima scelta, se è possibile farlo. Non sempre per i voli intercontinentali si può effettuare l’intera procedura, ma verificare la possibilità di compiere tutte le scelte possibili online (posti assegnati, pasti, etc) è sempre meglio perché questo permetterà di risparmiare tempo prezioso una volta a bordo. Ricordarsi di stampare tutte le ricevute riguardanti le scelte effettuate. 

3 – Scegliere il posto migliore. Al momento della prenotazione del biglietto – sia online che in agenzia di viaggio – le compagnie aeree permettono di scegliere il posto in cui accomosarsi. Se si vuole stare più comodi, è sempre meglio scegliere le uscite di emergenza o i sedili del corridoio. Al riguardo, ricordarsi che i posti nei pressi delle uscite di emergenza richiedono la maggiore età e un’elevata mobilità, perché i passeggeri ivi seduti hanno la responsabilità di effettuare alcune manovre di emergenza (come aprire il portellone dell’uscita di emergenza), ove fosse necessario.

4 – Vestirsi con abiti comodi. Se si viaggia in un volo a lungo raggio, giacca e cravatta possono lasciare posto a abiti più comodi e mocassini. Buona norma indossare abiti larghi e comodi, ricordando che in genere la climatizzazione mantiene bassa la temperatura delle carlinghe, sicché è sempre meglio vestiti a strati, in modo da rendere più agevole un adattamento alle variazioni di temperatura. Fondamentale scegliere calzature che non comprimano il piede, visto che i piedi tendono a gonfiarsi durante voli prolungati. Esistono – anche per gli uomini – delle calze elastiche che aiutano la circolazione: non esitate a indossarle. Se poi avete un impegno subito dopo lo sbarco, un’ora prima dell’atterraggio potrete ‘rimettervi in sesto’ e prepararvi alla mondanità o all’impegno lavorativo come si conviene.

5 – Muoversi durante il volo. È sempre buona norma non rimanere seduti per più di 4 ore di fila, perchè in caso contrario aumenta il rischio di sviluppare trombosi venosa. Quindi, di tanto in tanto fare una passeggiata nel corridoio ogni due ore riduce sensibilmente questo rischio. Naturalmente, tenete conto che anche agli altri passeggeri è consigliata una cosa analoga e che in una comunità ristretta e momentanea – come quella di un volo aereo a lungo raggio – rispettare la libertà altrui equivale a rispettare se stessi.

6 – Scegliere i pasti. Per i viaggi a lungo raggio, le compagnie consentono la scelta del tipo di pasto: fatelo al momento della prenotazione, tenendo conto di allergie e intolleranze o esigenze particolari, che vanno comunicate alla compagnia immediatamente. Serve controllare, almeno 24 ore prima della partenza, se le comunicazioni al riguardo sono state recepite dalla compagnia aerea. Nonostante le compagnie aeree offrano snack e bevande durante il volo, è consigliabile portare con sé qualche snack (come biscotti o frutta secca) per affrontare il viaggio senza dover affrontare i morsi della fame (spesso dovuta anche a noia…) in un viaggio così lungo.

7 – Rilassarsi. Sugli aerei di lungo raggio sono disponibili intrattenimenti vari, come musica, film, programmi tv irradiati dai sistemi di bordo. Tuttavia, prima del volo è buona norma scaricare sui propri device (tablet, notebook o ebook) articoli, giornali o libri che possano essere letti durante il viaggio, attività che farà …volare il tempo.

8 – Bere molto. L’idratazione è essenziale per evitare fastidi alla propria salute (come quello indicato nel precedente punto 5). Uno dei segreti per salvarsi dal jet lag è, infatti, quello di mantenersi in buona salute a partire proprio dall’idratazione. Le cabine degli aerei sono spesso luoghi molto secchi e le possibilità di disidratazione sono elevate. Quindi, bere molta acqua – lentamente e regolarmente – è semplicemente il mezzo migliore per stare bene.

9 – Socializzare con i vicini. L’abitacolo di un volo, soprattutto nei viaggi a lungo raggio, è una comunità temporanea di individui che condividono anzitutto interessi comuni: viaggiare bene, arrivare a destinazione, non essere infastiditi né infastidire (in teoria…). I voli possono diventare momenti ideali per conoscere gente interessante. Ogni persona che sale su un aereo ha una propria storia, propri interessi, una propria visione del mondo. Conoscere gente, in condizioni di reciprocità, è una buona occasione per far scorrere il tempo più velocemente e più piacevolmente (sempre che ce ne sia possibilità e che i vostri vicini non siano buzzuri e maleducati: ma questo lo diamo per assodato…).

10 – Decollo e atterraggio: masticare. Durante le fasi di decolo e di atterraggio, il cambio di pressione all’interno dell’aereo può portare fastidi all’apparato uditivo. Per prevenire questi disagi, è sempre buona norma restare svegli durante queste fasi del volo e masticare una gomma o succhiare una caramella, per attivare un meccanismo di scambio di pressione interna che annulli quella esterna. Attenzione: se si soffre di mal d’aereo, nelle farmacie potrete trovare rimedi naturali, come gomme da masticare allo zenzero, una pianta che ha un’azione antinausea.

Che aggiungere ancora? Buon viaggio!

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se hai gradito questo articolo, clicca per favoreMi piacesulla pagina Facebook di The Horsemoon Post (raggiungibile qui), dove potrai commentare e suggerirci ulteriori approfondimenti. Puoi seguirci anche su Twitter (qui) Grazie.


Shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: