MotorsportSportWEC

Tragedia alla 24 Ore di Le Mans: muore il pilota danese Allan Simonsen. IMMAGINI!

Coinvolto in un’uscita di strada all’ingresso del rettilineo delle Hunaudières nelle prime fasi di gara, non ha retto all’impatto contro le barriere di protezione

20130622-allan simmonsen_780x485

Un tragico errore ha ucciso oggi il pilota danese Allan Simonsen, alla guida della Aston Martin Vantage ufficiale numero 95.20130622-simmonsen-crash_300x500 Simmonsen nell’abbordare la curca “Tetre Rouge” che immette sul lungo rettilineo delle Hunaudières ha messo le ruote di sinistra sul cordolo inumidito dalla pioggia caduta prima che la gara iniziasse. La macchina, impazzita, si è schiantata sulle barriere esterne, senza che il povero Simmonsen potesse far niente.

L’incidente è avvenuto alle 15.09. Il pilota, immediatamente soccorso, è stato estratto dalla vettura dal personale di soccorso, poi portato al centro medico del circuito di Le Mans, dove purtroppo è spirato pochi minuti dopo.

La famiglia di Allan Simonsen, 34 anni, è stata immediatamente informata da David Richards, Team Principal dell’Aston Martin. Il team britannico era andato a Le Mans per festeggiare i 100 anni dalla fondazione.

Simonsen aveva realizzato la “pole” della GTE Pro, anticipando nelle qualifiche una buona predisposizione per la vittoria finale.

L’Aston Martin, in un comunicato ufficiale, ha reso noto che la famiglia di Allan Simonsen ha ch20130618-ALLAN-SIMONSEN_6-300x200iesto espressamente al team di continuare a gareggiare in suo onore, un gesto che manifesta la qualità della famiglia Simmonsen e la loro adesione alla passione del povero Allan.

The Horsemoon Post si associa al dolore della famiglia Simonsen e del Team Aston Martin, cui porge le più affettuose condoglianze e i sentimenti di cristiana partecipazione alla perdita del giovane Allan.

L’incidente ripreso dalla Corvette n. 74 di GAVIN / MILNER / WESTBROOK che seguiva l’Aston Martin di Simonsen

Altra visuale dell’incidente, dalla Corvette n. 73 di MAGNUSSEN / GARCIA / TAYLOR

© RIPRODUZIONE RISERVATA

@horsemoonpost