Lewis Hamilton, leoncino d’Inghilterra sulla Freccia d’Argento tedesca!

Le Red Bull non vincono la guerra per la Pole, ma si candidano a dominare la gara. Ferrari, disastro in qualifica, missione impossibile in gara. Peggio solo le McLaren in modalità “panico”

20130629-f1-ev8_hamilton_fp3_780x520

Lewis Hamilton ha conquistato Una straordinaria pole position per il Gran Premio di Gran Bretagna, che si correrà domani cul circuito di Silverstone. Il pilota britannico ha esaltato i connazionali, accorsi numerosi in una giornata assolata, ma non caldissima. Hamilton è riuscito a detronizzare il compagno di squadra Nico Rosberg, che sembrava lanciato nella conquista della “Pole” proprio all’ultimo tentativo. Lewis ha voluto fare un (ulteriore) regalo alla sua fidanzata, Nicole Scherzinger, che oggi compie 35 meravigliosi anni. Auguri anche da noi, Nicole!

Dietro alle due Mercedes, le due Red Bull di Vettel e Webber, con l’australiano a 9 millesimi dal compagno di squadra, forse per colpa di una leggerissima esitazione all’ultima curva del giro decisivo.

Paul di Resta su Force India, con il quinto posto, ha preceduto uno straordinario Daniel Ricciardo, che con un balzo era riuscito perfino a occupare il terzo posto provvisorio. Settimo tempo per Adria Sutil, con la seconda monoposto anglo-indiana, davanti alle due Lotus di Grosjean e Räikkönen e alla Ferrari di Fernando Alonso.

Per la Ferrari un week-end da dimenticare, a detta del pilota di Oviedo, con un obiettivo realistico di raggiungere il sesto/settimo posto per mitigare i danni. Obiettivi ridicoli per un team che dovrebbe ambire alla vittoria, se non al dominio. Massa, a poco meno di quattro decimi dal compagno di squadra, ha patito sicuramente l’uscita di pista di ieri, nel secondo turno di libere, e il problema al motore di oggi (probabile natura elettronica: il motore è stato trovato integro dopo essere stato smontato dalla monoposto) nelle ultime libere. Il problema di fondo è che la monoposto a Silverstone soffre un clamoroso sottosterzo, che costringe Alonso ad andare di traverso e mette in crisi Massa, che ha da sempre una guida più fluida e più pulita.

Per mantenere qualche chance e non consegnare il quarto mondiale di fila alla Red Bull e a Sebastian Vettel, domani a Maranello dovranno pregare per le Mercedes e per la voglia di Hamilton e Rosberg di aggiudicarsi l’ottavo appuntamento iridato del 2013. Peggio è andata solo alla McLaren, fuori dalla Q3 e in crisi nera. A Woking sono in modalità “panico”, urge trovare il bandolo della matassa. E se si chiamasse MP4/27 (la monoposto dello scorso anno)?

Nella seconda eliminatoria, Vettel staccava il tempo più veloce, ma con un margine si soli 12 millesimi dal compagno di squadra Webber. Poi Rosberg, Sutil, un eccellente Ricciardo, Hamilton, di Resta, Alonso (che migliorava di poco sotto la bandiera a scacchi), le due Lotus di Grosjean e Räikkönen, che chiudevano la Top Ten. Fuori dalla Q3 le due McLaren di Button (11°) e Perez (14°), Massa (12°), Vergne (13°), Hülkemberg e Maldonado, rispettivamente al quindicesimo e sedicesimo posto.

Da considerare che in 1 secondo si collocavano 13 piloti, da Webber – col secondo tempo – a Perez, quattordicesimo. E che tra Alonso (8°) e il compagno di squadra Massa si registrava un ritardo di appena 4 decimi (per la precisione 392 millesimi), segno che il brasiliano aveva pagato il passaggio di manche per qualche piccola esitazione.

In Q1, Hamilton staccava il miglior tempo (1’30’’995), davanti al compagno di squadra Rosberg, alle due Lotus di Räikkönen e Grosjean, alle due Red Bull di Vettel e Webber, alle due McLaren di Perez e Button e alle due Force India di Sutil e di Resta.

Fuori dalla Top Ten, sempre in fila per due, le Toro Rosso di Ricciardo e Vergne, Hulkember sulla prima Sauber, le due Ferrari di Massa e Alonso e Madonado con l’unica Williams a passare alle eliminatorie successive. Le qualifiche si fermavano alla prima manche per Bottas (Williams), Gutierrez (Sauber), Pic (Caterham), Bianchi (Marussia, van der Garde (Caterham) e Chilton a quasi cinque secondi dalla momentanea “pole”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

20130628-twitter-very-little@horsemoonpost

F1, Gran Premio di Gran Bretagna 2013 – Qualifiche

f1-2013-ev8_qualifiche_neutral

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

2013_F1_EVENT8_GP_GRAN BRETAGNA_timingufficiale780x938

 

 

Mario Isola presenta l’analisi tecnica della Pirelli per il GP di Gran Bretagna

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: