Vettel prenota il GP d’Italia nelle seconde libere a Monza

Le due Red Bull viaggiano con ritmi irraggiungibili sia in assetto di qualifica che nel passo di gara. Le Lotus inseguono, Alonso resiste e le Mercedes forse si nascondono di nuovo per la pole. Massa con problemi di cambio. Voci di mercato dall’Inghilterra: McLaren non esercita opzione su Button perché aspetta una risposta di Alonso. Solo “silly season”?

20130906-F1-Ev11-fp2-Vet-780x500

Sebastian Vettel non ci sta a lasciare il GP d’Italia nelle mani di qualcun altro, sicché cerca di “marcare il territorio” volando nel secondo turno di prove libere del GP d’Italia, sul circuito di Monza, segnando un tempo inavvicinabile da tutti – 1’24’’453 – perfino dal suo compagno di squadra Mark Webber, che si mette in scia – si fa per dire – a oltre sei decimi di distacco. In verità i tempi delle due monoposto di Milton Keynes potrebbero essere stati realizzati con poca benzina e per Vettel c’è il dubbio che abbia potuto sfruttare una scia, ma resta il fatto che sul passo gara le Red Bull viaggiano su un altro pianeta.

Terzo a quarto posto – ma con lo stesso identico tempo – per Kimi Räikkönen e Romain Grosjean, con il primo sulla “long wheelbase” (passo lungo) e il secondo con la monoposto con la sospensione usuale. Le due Lotus hanno staccato di poco Fernando Alonso, che ha girato solo con le gomme medie (banda bianca), poi Hamilton e Rosberg sulle due Mercedes e Felipe Massa, che a fine sessione ha avuto una noia al cambio della sua F138, bloccatosi in terza.

A chiudere la Top Ten le due McLaren di Jenson Button e Sergio Perez. Strana sessione per le due Force India con di Resta 11° e Sutil 13°, mentre Gutierrez ha preceduto Hülkemberg (ancora con problemi di cambio sulla sua Sauber).

È continuato il “cinema” dei tagli alla Prima Variante, mentre si è aperto il Festival delle Curve di Lesmo: protagonisti in questo secondo turno Pic, Van der Garde, Vettel, Hamilton, Rosberg e Bianchi. Controllo rallistico per Räikkönen (ora no…) in Parabolica e “scampagnata” alla Seconda di Lesmo per Fernando Alonso, senza conseguenze visibili.

Una indiscrezione che potrebbe fare saltare il mercato piloti viene dall’Inghilterra. Secondo queste voci, la McLaren non avrebbe esercitato l’opzione su Jenson Button perché aspetterebbe una risposta da Fernando Alonso. Qualche giorno fa il pilota spagnolo lanciò un tweet con cui annunciava “importanti notizie”, salvo il giorno successivo annunciare l’acquisto di un team di ciclismo dei Paesi Baschi.

A noi sembra una voce senza alcuna possibilità di sviluppo, perché in McLaren ancora Ron Dennis è vivo e lotta insieme al team e non crediamo brami per rivedere Alonso a Woking. Ma forse c’è qualcosa che somigli alla guerra psicologica (se già di guerre non ce ne fossero abbastanza su serio…) per confondere gli avversari o “avvelenare le acque” dell’Oasi Selvaggia che è l’attuale F1. Solo Silly Season? Beh, forse si dovrebbe organizzare una sessione di “casco-mercato” a fine campionato, per dare a questa disciplina ancora qualche valenza sportiva.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

F1. Gran Premio d’Italia – Prove Libere 2

20130906-F1-Ev11-fp2-standing-neutral

separatore_redazione

L’analisi di Mario Isola per la Pirelli

2013_F1_EVENT12_GP_ITALIA1

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: