Deprecated: Hook custom_css_loaded is deprecated since version jetpack-13.5! Use WordPress Custom CSS instead. Jetpack non supporta più il CSS personalizzato. Leggi la documentazione WordPress.org per scoprire come applicare gli stili personalizzati al tuo sito: https://wordpress.org/documentation/article/styles-overview/#applying-custom-css in /customers/8/8/d/horsemoonpost.com/httpd.www/newsite/wp-includes/functions.php on line 6085 F1, a Monza Hamilton è il più veloce nelle prime libere, poi Button e Rosberg. Alonso 4° | HORSEMOON POST
F1In Primo Piano

F1, a Monza Hamilton è il più veloce nelle prime libere, poi Button e Rosberg. Alonso 4°

Nel primo turno di prove libere il pilota britannico della Mercedes ha staccato di oltre sette decimi il connazionale su McLaren e il compagno di squadra. Alonso davanti a Magnussen, Vettel e Raikkonen. Juncadella sostituisce Perez sulla Force India, ma solo per mezz’ora. Merhi al posto di Kobayashi solo nel turno mattutino, ma fa meglio di Ericsson

20140905-f1-ev13-gp-ita-fp1-ham-leads-655

Monza – Le prime prove libere del Gran Premio d’Italia sul circuito di Monza si sono concluse con il miglior tempo di Lewis Hamilton su Mercedes, che ha preceduto “l’ex freccia d’argento” – McLaren – di Jenson Button e il compagno di squadra Nico Rosberg, staccato di oltre otto decimi.

Quarto tempo per Fernando Alonso, sulla prima Ferrari, seguito dalla seconda McLaren di Kevin Magnussen, dalla prima Red Bull di Sebastian Vettel, dal compagno di squadra Kimi Räikkönen e da Sergio Perez, sulla prima Force India. Il messicano è subentrato al catalano Daniel Juncadella, che ha girato nella prima mezz’ora quale terzo pilota del team anglo-britannico, entrando in pista solo a 20 minuti dalla bandiera a scacchi, per il tempo necessario a modificare le impostazioni dell’abitacolo.

Agli ultimi due posti della Top Ten Daniil Kvyat (sulla prima Toro Rosso) e Nico Hülkenberg (sulla seconda Force India).

Nella prima mezz’ora i team hanno potuto utilizzare del treno di gomme extra – di tipo hard (banda arancione) – registrando una durata maggiore di quanto si attendessero.

Sotto osservazione il comportamento delle monoposto alla Parabolica, parzialmente asfaltata all’esterno, con una decisione che ha suscitato polemiche da parte dei “puristi” (con qualche ragione), ma forse provvidenziale per le incertezze derivanti dall’imprevedibilità delle monoposto in staccata per i nuovi freni con il brake-by-wire e l’aerodinamica più leggera di quella degli anni scorsi.

Il primo ad “apprezzare” questa modifica è stato Max Chilton, dopo appena 15 minuti dall’avvio della sessione.

Deludente il risultato della Williams, tra i Top Teams, con Bottas e Massa solo 12° e 13°. Alla base del basso profilo tenuto dal team di Grove pare un’errata valutazione sull’assetto aerodinamico, che è stato incrementato via via e su cui si concentrerà l’attenzione di piloti e tecnici nel turno pomeridiano.

Da registrare il debutto del castigliano Roberto Mehri, sulla Caterham di Kamui Kobayashi, che però tornerà regolarmente al volante della sua monoposto oggi pomeriggio. Mehri non ha fatto male, riuscendo a essere più veloce di due decimi del compagno di squadra Ericsson al termine dei 29 giri percorsi.

Si replica nel pomeriggio, dalle 14 alle 15.30 nella sessione che servirà a mettere a punto anche le configurazioni da gara e le scelte di assetto per un buon compromesso anche per le qualifiche che determineranno la griglia di partenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

FORMULA 1 GRAN PREMIO D’ITALIA 2014 – Libere 1

20140905-f1-ev13-gp-ita-fp1-timesheet-neutral

FORMULA 1 GRAN PREMIO D’ITALIA 2014 – ANALISI TECNICA PIRELLI