Fecondazione: Lorenzin, serve una legge per evitare il caos

In un’intervista a “la Repubblica”, la ministro della Salute pone il problema di “affrontare il tema della procreazione medicalmente assistita in modo organico”

20140410-beatrice-lorenzin-660x440

Roma – Una legge per evitare il caos. Lo dice in una intervista alla Repubblica il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin dopo la decisione della Consulta che ha bocciato il divieto alla fecondazione eterologa. “Ora che la legge 40 è stata smantellata a colpi di sentenze, è necessario riaffrontare il tema della pma in modo organico, con calma e serenità“, ha affermato Lorenzin, che poi ha precisato che “le sentenze si applicano“, ma “su questi temi bisogna essere molto equilibrati, anche nel linguaggio, perché tutte le persone che fanno ricorso alla preocreazione vivono grandi sofferenze“.

Per la ministro ora bisogna capire se “toccherà al Parlamento, come credo, occuparsi di aspetti come l’eventuale anonimato di chi cede i gameti. Come ci comporteremo con i figli dell’eterologa?“, si è chiesta Beatrice Lorenzin. “In certi Paesi – ha citato la ministro della Salute – spediscono una lettera a casa il giorno del diciottesimo compleanno per comunicare l’identità del padre, ad esempio. Poi – ha osservato Lorenzin – c’è da risolvere il problema dei fratelli naturali. Ci vorrà una norma, non credo che bastino i decreti. Non siamo nel tipico caso in cui togli una legge e tutto torna come prima perché prima non c’erano leggi“.

Una nuova normativa che non significhi un restringimento delle maglie, ma una chiarificazione di aspetti complessi, soprattutto sotto il profilo etico, prima ancora che tecnico-scientifico. “Voglio rendere la procreazione più efficace, sicura e trasparente di adesso“, ha precisato la ministro della Salute, secondo la quale “deve essere possibile farla in centri pubblici in sicurezza, anche per le donne che affrontano le cure ormonali. Per come è organizzato adesso il sistema, ci sono aree del territorio dove il pubblico non esiste“.

(Credit: AGI)

Un pensiero riguardo “Fecondazione: Lorenzin, serve una legge per evitare il caos

  • 10/04/2014 in 21:50:47
    Permalink

    Forse ancora non si è capito che quando la natura viene snaturata essa interviene per rimettere a posto le regole. Siamo ormai 7 miliardi di individui e questa crescita non potrà continuare per molto a questi ritmi e la natura lo sa per cui si è visto che ci sono due fenomeni legati agli spermatozoi, il primo la forte diminuzione percentuale della loro popolazione in 1 cm cubo di sperma ed il secondo la diminuzione della loro potenza fecondante e questo si è verificato nel mondo occidentale. Quindi invece di continuare a fare inseminazioni artificialarebbe il caso di intervenire fortemente sulla facilitazione delle adozioni. Sarebbe inoltre anche necessario nel dare permessi di ospitalità agli stranieri introdurre il veto della poligamia perché questo non sarebbe mancanza di rispetto della loro religione dato che nessuna religione impone la poligamia ma la permette soltanto.

I commenti sono chiusi