Deprecated: Hook custom_css_loaded is deprecated since version jetpack-13.5! Use WordPress Custom CSS instead. Jetpack non supporta più il CSS personalizzato. Leggi la documentazione WordPress.org per scoprire come applicare gli stili personalizzati al tuo sito: https://wordpress.org/documentation/article/styles-overview/#applying-custom-css in /customers/8/8/d/horsemoonpost.com/httpd.www/newsite/wp-includes/functions.php on line 6085 Il capo di Stato Maggiore della Difesa nigeriana annuncia: abbiamo individuato studentesse rapite da Boko Haram | HORSEMOON POST
Esteri

Il capo di Stato Maggiore della Difesa nigeriana annuncia: abbiamo individuato studentesse rapite da Boko Haram

Secondo l’Associated Press, Alex Barde, Maresciallo dell’Aria e Capo di Stato Maggiore della Difesa della Nigeria, ha dichiarato che le oltre 300 studentesse sequestrate in Aprile e all’inizio di Maggio da Boko Haram sono state individuate, ma per ora è esclusa un’azione di forza

Le ragazze rapite nelle immagini diffuse dal gruppo qaedista nigeriano (Foto AFP via BBC)
Le ragazze rapite nelle immagini diffuse dal gruppo qaedista nigeriano (Foto AFP via BBC)

Abuja  – Il Capo di Stato Maggiore della Difesa nigeriana, Maresciallo dell’Aria Alex Barde, ha dichiarato che i militari nigeriani hanno individuato le oltre 300 ragazze rapite il mese scorso dalle milizie islamiste di Boko Haram. Tuttavia, Barde ha precisato che per adesso è esclusa ogni azione di forza per liberarle.

Secondo l’AP, Barde ha rivelato a un gruppo di manifestanti a sostegno delle studentesse rapite che le truppe nigeriane sono in condizione di salvare le ragazze, ma ha aggiunto che “non possiamo andare e uccidere le nostre ragazze per tentare di portarle a casa“. Barde non ha, comprensibilmente, voluto spiegare in che zona le ragazze siano state individuate.

I militari e il governo nigeriano stanno fronteggiando l’indignazione nazionale ed internazionale per la loro incapacità di salvare le studentesse rapite da una scuola della Nigeria nord-orientale sei settimane fa.

Il presidente Goodluck Jonathan è stato costretto questo mese ad accettare l’aiuto internazionale. Solo così aerei e truppe speciali americane sono state dispiegate in Nigeria, insieme a unità di Gran Bretagna, Francia, Israele, Italia e altri Paesi hanno inviato esperti in materia di sorveglianza e di negoziazione ostaggi, oltre che dare disponibilità alla condivisione di informazioni di intelligence, indispensabili per trovare le studentesse e i rapitori di Boko Haram, il gruppo islamista legato alla catena globale di al-Qaeda.

© RIPRODUZIONE RISERVATA