Deprecated: Hook custom_css_loaded is deprecated since version jetpack-13.5! Use WordPress Custom CSS instead. Jetpack non supporta più il CSS personalizzato. Leggi la documentazione WordPress.org per scoprire come applicare gli stili personalizzati al tuo sito: https://wordpress.org/documentation/article/styles-overview/#applying-custom-css in /customers/8/8/d/horsemoonpost.com/httpd.www/newsite/wp-includes/functions.php on line 6078 Finalmente! Con Windows 10 arriva l’emoticon per mandare aff… | HORSEMOON POST
In Primo PianoTecnologia

Finalmente! Con Windows 10 arriva l’emoticon per mandare aff…

Il colosso di Redmond aggiunge il ‘dito medio’ tra le icone grafiche a disposizione degli utenti

20150505-microsoft-655x436


Redmond – Mostrare il dito medio con un clic: Microsoft darà questa possibilità ai suoi utenti. L’ultimo aggiornamento di Windows 10, il nuovo sistema operativo per desktop, laptop e smartphone, ha infatti tra le sue emoticons questo simbolo.

Lo riporta Emojipedia, la banca dati che tiene traccia di tutte le emoticon. La mossa rende Microsoft, il primo colosso tecnologico a permettere il simbolo all’interno della sua piattaforma.

20150505-asia-argento-dito-medio-cannes-2012-320x213Il dito medio è stato introdotto dall’Unicode Consortium, che gestisce il linguaggio degli emoji, a metà dello scorso anno, ma la scelta di inserirlo nelle piattaforme spetta ai singoli gruppi.

La Apple ha di recente rinnovato la sua banca dati di emoticon (aggiungendo volti di diverse etnie e coppie omosessuali), ma non ha permesso il simbolo nei suoi iPhone. La stessa cosa Google con Android.

Questo perché il gesto è ritenuto offensivo (e quindi viene oscurato) da queste piattaforme.

L’arrivo del dito medio coincide per Microsoft con un aggiornamento più ampio dei suoi emoji. Il dito medio comprende anche diverse tonalità di colore della pelle, ma quello di default è grigio, l’equivalente del colore giallo di Apple che rappresenta la neutralità razziale.

(askanews)

Se hai gradito questo articolo, clicca per favoreMi piacesulla pagina Facebook di The Horsemoon Post (raggiungibile qui), dove potrai commentare e suggerirci ulteriori approfondimenti. Puoi seguirci anche su Twitter (qui) Grazie.