Deprecated: Hook custom_css_loaded is deprecated since version jetpack-13.5! Use WordPress Custom CSS instead. Jetpack non supporta più il CSS personalizzato. Leggi la documentazione WordPress.org per scoprire come applicare gli stili personalizzati al tuo sito: https://wordpress.org/documentation/article/styles-overview/#applying-custom-css in /customers/8/8/d/horsemoonpost.com/httpd.www/newsite/wp-includes/functions.php on line 6078 Usa, Sandoz ritira oltre un milione di confezioni di Zyrtec, ma potrebbe non riguardare le confezioni vendute in Italia | HORSEMOON POST
In Primo PianoSalute

Usa, Sandoz ritira oltre un milione di confezioni di Zyrtec, ma potrebbe non riguardare le confezioni vendute in Italia

Dell’antiallergico sono stati trovati non in regola alcuni lotti prodotti dalla casa farmaceutica del Gruppo Novartis in India, nell’impianto di Mumbai. Non è certo che il sequestro riguardi l’Italia, sarà più chiaro nei prossimi giorni: le medicine in vendita dovrebbero essere prodotte in Italia o in Europa

20150614-ZYRTEC-655x436


New York – La Sandoz del gruppo Novartis ha ritirato dal mercato oltre un milione di confezioni di compresse di Zyrtec, un antistaminico efficace nel trattamento di base dei disturbi allergici.

Secondo un dossier dell’Enforcement Report il sistema di allerta rapido istituito dalla Food and Drug Administration (Fda) l’agenzia federale americana di analisi del farmaco, che ha per compito anche quello di supervisionare e regolare il mercato statunitense dei prodotti alimentari, sanitari e cosmetici – nove lotti del farmaco sono stati richiamati essendo stati trovati fuori regola a causa di impurità durante un test prolungato. 

Il ritiro è stato eseguito in un impianto della Sandoz a Mumbai, in India, come riporta healio.com, sito d’informazione medico-scientifica.

Il sequestro però non dovrebbe riguardare le confezioni vendute in Italia, perché prodotte nel nostro Paese o, al più, in uno degli Stati dell’Unione. Per verificare l’appartenenza del lotto, è sufficiente controllare la sede dell’impianto di produzione, indicato sulla scatola (vicino al bollino con il codice a barre).

(Credit: Adnkronos) © RIPRODUZIONE RISERVATA

Se hai gradito questo articolo, clicca per favoreMi piacesulla pagina Facebook di The Horsemoon Post (raggiungibile qui), dove potrai commentare e suggerirci ulteriori approfondimenti. Puoi seguirci anche su Twitter (qui) Grazie.