EconomiaIn Primo Piano

21st Century Fox, dal 1° Luglio Murdoch lascia ai figli guida del colosso media

Ieri il board del gruppo ha approvato e annunciato la decisione. Il figlio James amministratore delegato della 21st Century Fox

20150617-rupert-james-murdoch-655x436


New York – Dopo le voci circolate negli scorsi giorni adesso la notizia è ufficiale. Dal primo luglio Rupert Murdoch, 84 anni, lascerà la guida di 21st Century Fox al figlio James, che diventerà amministratore delegato del colosso media. Il miliardario australiano invece diventerà co-presidente del gruppo insieme all’altro figlio, Lachlan, che fino ad ora ricopriva questa posizione senza però avere un ruolo esecutivo.

Chase Carey invece, che in questo momento è il direttore operativo e il braccio destro di Murdoch, assumerà il ruolo di vice presidente del colosso media ed entertainment. Carey ha annunciato che rimarrà nel gruppo fino alla fine del suo contratto, previsto per il prossimo 30 giugno 2016.

Il cambio ai vertici è stato approvato e annunciato dal board di Fox che oltre all’emittente americana possiede diversi canali via cavo negli Stati Uniti e in tutto il mondo e uno dei più grandi studios televisivi e cinematografici al mondo. “La nostra priorità è sempre stata quella di garantire stabilità e una leadership sul lungo termine al gruppo e questa scelta raggiunge questo obiettivo“, ha detto il magnate australiano. “Siamo entrambi onorati dall’opportunità di guidare questa straordinaria società con l’aiuto di nostro padre e del nostro team di manager“, hanno fatto sapere Lachlan e James Murdoch in una nota congiunta.

La successione di Fox era da tempo un punto dell’agenda del board ed era stata discuta nel corso dei suoi incontri. Due anni fa Murdoch aveva diviso il suo impero in due società, una legata ai media (21st Century Fox) l’altra all’editoria (News Corp, che possiede il Wall Street Journal).

La famiglia Murdoch possiede il 39% delle azioni in entrambi i gruppi.

(askanews)

Se hai gradito questo articolo, clicca per favoreMi piacesulla pagina Facebook di The Horsemoon Post (raggiungibile qui), dove potrai commentare e suggerirci ulteriori approfondimenti. Puoi seguirci anche su Twitter (qui) Grazie.