Deprecated: Hook custom_css_loaded is deprecated since version jetpack-13.5! Use WordPress Custom CSS instead. Jetpack non supporta più il CSS personalizzato. Leggi la documentazione WordPress.org per scoprire come applicare gli stili personalizzati al tuo sito: https://wordpress.org/documentation/article/styles-overview/#applying-custom-css in /customers/8/8/d/horsemoonpost.com/httpd.www/newsite/wp-includes/functions.php on line 6085 Bufera sul Catania Calcio: sette arresti, tra cui il presidente Pulvirenti. “Partite comprate” | HORSEMOON POST
In Primo PianoSicilia

Bufera sul Catania Calcio: sette arresti, tra cui il presidente Pulvirenti. “Partite comprate”

L’accusa è associazione per delinquere finalizzata alle frodi sportive. Il presidente della Lega di B: “Un grande dolore”. Regolarità campionato non in discussione

20150623-antonio-pulvirenti-655x393


Sette arresti, tra cui i vertici della squadra del Catania. Le 7 ordinanze di custodia cautelare sono state eseguite dalla Digos della Polizia di Stato della città etnea, che ha proceduto a eseguire le misure cautelari su ordine della locale procura della Repubblica. Perquisizioni sono state effettuate anche dal personale in carico alle questure di Roma, Chieti e Campobasso e del Compartimento della Polizia Postale di Catania.

Disposti gli arresti domiciliari a carico di persone ritenute responsabili di frode in competizioni sportive e di truffe, con lo scopo di alterare nel campionato di Serie B l’esito delle partite in cui era impegnato il Catania. Tra i sottoposti alla misura restrittiva arrestati ci sono il presidente del Catania Calcio, Antonio Pulvirenti, l’amministratore delegato Pablo Cosentino e il direttore generale Daniele Delli Carri.

L’accusa per tutti è di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di diverse frodi sportive.

Per il presidente della Lega di Serie B, Andrea Abodi, “la prima reazione è sicuramente un grande dolore perché lavoriamo ogni giorno per rendere comunque credibile e per aumentare la reputazione del nostro contesto e questa è una notizia che ci lascia sgomenti”.

“Il rischio di invalidare il campionato non esiste. Per definizione la responsabilità è individuale, quindi risponde chi paga”, ha aggiunto Abodi a Sky TG24 sulla possibilità che l’inchiesta possa invalidare il campionato di Serie B appena concluso. “La situazione è circoscritta, anche se indubbiamente c’è un’incidente sulla competizione stessa. A questo punto mi auguro soltanto che, al di là della competizione che si è appena chiusa, si possa riaprire la nuova sotto gli auspici migliori e che ci sia un processo che velocemente ci consenta di iniziare la competizione”.

“Bisogna reagire immediatamente – ha spiegato il numero uno dei cadetti – e continuare il nostro lavoro, l’impegno verrà ulteriormente moltiplicato. Mi auguro che le cose vengano chiarite, che si sappia la verità il prima possibile e che comunque, di fronte a certi fenomeni, la risposta in caso di conferma sia dura, e faccia capire che il nostro mondo non e’ disposto ad accettare nessun tipo di accomodamento o accordo – ha concluso Abodi – che mortifichi il campo e il valore sportivo di una competizione”.

L’arresto dei dirigenti del Catania Calcio ha destato grande sconcerto in tutti gli ambienti sportivi dell’isola, che vive della rivalità sportiva tra Catania e Palermo una pagina di difficoltà degli etnei. Il futuro della squadra appare ora nebuloso e questo aggiunge ulteriori elementi di tensione a una città che di certo attualmente non ha molti motivi per gioire.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se hai gradito questo articolo, clicca per favoreMi piacesulla pagina Facebook di The Horsemoon Post (raggiungibile qui), dove potrai commentare e suggerirci ulteriori approfondimenti. Puoi seguirci anche su Twitter (qui) Grazie.


John Horsemoon

Sono uno pseudonimo e seguo sempre il mio dominus, del quale ho tutti i pregi e i difetti. Sportivo e non tifoso, pilota praticante(si fa per dire...), sempre osservante del codice: i maligni e i detrattori sostengono che sono un “dissidente” sui limiti di velocità. Una volta lo ero, oggi non più. Correre in gara dà sensazioni meravigliose, farlo su strada aperta alla circolazione è al contrario una plateale testimonianza di imbecillità. Sul “mio” giornale scrivo di sport in generale, di automobilismo e di motorsport, ma in fondo continuo a giocare anche io con le macchinine come un bambino.