Deprecated: Hook custom_css_loaded is deprecated since version jetpack-13.5! Use WordPress Custom CSS instead. Jetpack non supporta più il CSS personalizzato. Leggi la documentazione WordPress.org per scoprire come applicare gli stili personalizzati al tuo sito: https://wordpress.org/documentation/article/styles-overview/#applying-custom-css in /customers/8/8/d/horsemoonpost.com/httpd.www/newsite/wp-includes/functions.php on line 6078 Roma, stupro a ‘Prati’: il violentatore sarebbe un idiota che porta indegnamente la divisa della Marina | HORSEMOON POST
In Primo PianoLazio

Roma, stupro a ‘Prati’: il violentatore sarebbe un idiota che porta indegnamente la divisa della Marina

Il militare di 31 anni era di passaggio a Roma: stava per imbarcarsi per partecipare a una missione militare. Risulterebbe in forza all’Arsenale della Marina Militare. Il fratello denunziato per favoreggiamento

20150701-violenza-piazzale-clodio-prati-655x368


Roma – Svolta nelle indagini sullo stupro avvenuto lunedì sera ai danni di una ragazza di 16 anni in piazzale Clodio, nei pressi del Palazzo di Giustizia di Roma nel quartiere Prati. È stato fermato il presunto responsabile della violenza.

Si tratta di un militare di 31 anni, originario della provincia di Cosenza. L’uomo, rendo noto la Questura di Roma, è “appartenente al ministero della Difesa, in forza presso l’Arsenale della Marina“, che sarebbe già stato riconosciuto dalla vittima. È stato fermato per violenza sessuale aggravata.

Ulteriori elementi a riscontro dei fatti sono stati forniti dalle videocamere di sorveglianza di uno degli esercizi commerciali presenti lungo la via di fuga, che ritraevano un soggetto dalle fattezze compatibili con il fermato, mentre si allontanava dal luogo inseguito da quattro persone. A ulteriore riscontro, sono state, inoltre, acquisite diverse testimonianze, che confermavano quanto già raccontato dalla vittima e dalle sue amiche.

Il militare era di passaggio a Roma. Da fonti citate dall’Adnkronos, l’uomo si sarebbe dovuto imbarcare oggi per una missione militare.

Secondo quanto ricostruito dalla Polizia, l’uomo si è finto poliziotto e, con il pretesto di infliggere una sanzione alla giovane perché l’aveva vista bere birra insieme a due coetanee, le ha intimato di mostrargli i documenti e di seguirlo al commissariato per gli accertamenti. A quel punto però, il sedicente poliziotto, dopo aver assicurato a un palo la bicicletta con cui era arrivato sul posto, ha portato la ragazza, a piedi, in via Teulada e, all’altezza del parcheggio di via Casale Strozzi, l’ha trascinata con forza nel parchetto nelle vicinanze e ha abusato di lei. L’uomo ha poi accompagnato la vittima in via Bafile, dove poco prima l’aveva avvicinata, ma, vista la presenza di un adulto, ha iniziato a correre ed è riuscito a fuggire.

Il fratello del presunto responsabile della violenza sessuale è stato denunciato in stato di libertà per il reato di favoreggiamento personale. Dalle indagini della squadra mobile, coordinate dalla Procura presso il Tribunale di Roma, è stata ricostruita la dinamica dell’accaduto e il percorso fatto dal fermato, insieme alla vittima. È stato, in particolare, predisposto un servizio di appostamento continuativo nei pressi del luogo dove era stata parcheggiata la bici, utilizzata dal presunto violentatore per i suoi spostamenti, fin quando, poco dopo l’una di notte, una persona, poi identificata per il fratello del fermato, è stata sorpresa mentre tentava di recuperare il mezzo.

Il giovane, dopo una prolungata reticenza e improbabili scuse per giustificare la sua presenza in quel luogo e a quell’ora, ha ammesso che la bicicletta era stata parcheggiata lì la sera precedente dal fratello. Sono così scattate le ricerche di quest’ultimo, trovato proprio in casa del congiunto.

(Credit: Adnkronos) © RIPRODUZIONE RISERVATA

Se hai gradito questo articolo, clicca per favoreMi piacesulla pagina Facebook di The Horsemoon Post (raggiungibile qui), dove potrai commentare e suggerirci ulteriori approfondimenti. Puoi seguirci anche su Twitter (qui) Grazie.


Save the Children Italia Onlus