Esteri

Libia, il Dipartimento di Stato intima ai cittadini americani di lasciare immediatamente il Paese!

Il servizio di Travel Warning dell’US Department of State ha pubblicato un “allarme sicurezza” che replica quanto indicato nel Gennaio di quest’anno

20150917-us-dpt-state-seal-655x435


Washington – Il Dipartimento di Stato Usa ha avvertito i cittadini americani di lasciare la Libia immediatamente, a causa del declino della situazione in termini di sicurezza.

Il Dipartimento di Stato mette in guardia i cittadini americani contro tutti i viaggi in Libia e raccomanda che i cittadini americani attualmente in Libia partano immediatamente”, si legge sulla pagina del ministero degli Esteri di Washington, in cui si ricorda che nella capitale libica dal “26 luglio 2014, l’ambasciata americana ha sospeso tutte le operazioni”, trasferendo il personale prima a Malta e, successivamente, a Tunisi, a causa delle violenze ricorrenti tra milizie libiche nelle immediate vicinanze della sede diplomatica americana.

Secondo il ‘warning’ dell’2US Departement of State, “la situazione della sicurezza in Libia rimane imprevedibile e instabile”. A chi si trovasse nel Paese, si consiglia di “predisporre piani di emergenza” per partire con celerità e di “mantenere una soglia di consapevolezza” in ogni momento.

L’avviso pubblicato ieri sostituisce quello lanciato il 20 Gennaio scorso.

I cittadini americani che necessitassero di informazioni ulteriori, possono contattare l’ambasciata Usa a Tunisi, scrivendo un’email all’indirizzo LibyaEmergencyUSC@state.gov o a telefonare al numero verde gratuito 1-888-407-4747 (per chi chiama da Stati Uniti e Canada) o al numero 1-202-501-4444 (se si chiama da altri Paesi).

Il servizio diplomatico degli Stati Uniti ricorda anche che di recente sono stati diramati avvisi di pericolo per terrorismo in tutto il mondo, alcuni riguardanti proprio obiettivi americani in patria o all’estero, in special modo in Medio Oriente e Nord Africa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se hai gradito questo articolo, clicca per favoreMi piacesulla pagina Facebook di The Horsemoon Post (raggiungibile qui), dove potrai commentare e suggerirci ulteriori approfondimenti. Puoi seguirci anche su Twitter (qui) Grazie.


Save the Children Italia Onlus