Deprecated: Hook custom_css_loaded is deprecated since version jetpack-13.5! Use WordPress Custom CSS instead. Jetpack non supporta più il CSS personalizzato. Leggi la documentazione WordPress.org per scoprire come applicare gli stili personalizzati al tuo sito: https://wordpress.org/documentation/article/styles-overview/#applying-custom-css in /customers/8/8/d/horsemoonpost.com/httpd.www/newsite/wp-includes/functions.php on line 6078 Il premio Auto dell’Anno 2016 anticipa l’86° Salone Internazionale di Ginevra | HORSEMOON POST
In Primo PianoMotori

Il premio Auto dell’Anno 2016 anticipa l’86° Salone Internazionale di Ginevra

Per il quinto anno consecutivo, la proclamazione di ‘Car of The Year’ precede la tradizionale due giorni del salone di Ginevra, lanciando il modello vincitore sotto i riflettori della stampa internazionale di settore. Sette modelli finalisti, di cui due del Gruppo VW-Audi (Audi A4 e Skoda Superb), poi Bmw Serie 7, lo spider Mazda MX5, l’Opel-Vauxhall Astra e il Suv Volvo XC90

Ginevra – Salone Internazionale di Ginevra e premio internazionale Car of the Year uniscono per la quinta volta i propri destini. Oggi pomeriggio intorno alle 15, di fronte alla stampa mondiale di settore, la hall della sala stampa del Palexpo di Ginevra ospiterà la proclamazione dell’Auto dell’anno 2016, un degno prologo per la due giorni dedicata alla stampa mondiale, che tradizionalmente precede l’apertura al pubblico.

I modelli arrivati al traguardo finale, dopo la valutazione della giuria costituita da 58 giornalisti di 22 Paesi europei, sono: l’Audi A4, la BMW Serie 7, la Jaguar XE, la Mazda MX5, l’Opel/Vauxhall Astra, la Skoda Superb e la Volvo XC90. Una classica berlina del Segmento C Premium, una top di gamma del Segmento F lusso, un’altra berlina del Segmento C annunciata proprio a Ginevra nel 2014, un revival spider di grande presa sul pubblico, una multiforme automobile regina del Segmento C con articolazioni tematiche che ne esaltano la versatilità, una finta povera del Segmento C e un Suv Premium che costituisce la punta di diamante della casa svedese controllata dai cinesi della Geely.

[slideshow_deploy id=’57593′]

Insomma, le finaliste rappresentano una sfida attorno a tre modelli centrali del mercato, con un occhio all’innovazione, un altro alla sostanza e al favore commerciale con cui il consumatore ha già premiato queste auto.

Le sette finaliste sono state sottoposte all’ultima serie di test due settimane fa presso il Centre d’Essais et de Recherche Automobile di Mortefontaine, in Francia. La scelta finale premierà il mix di innovazione, design, qualità e rapporto qualità prezzo.

Le sette testate giornalistiche promotrici del ‘Car of The Year’ sono Autocar (Gran Bretagna), Auto (Italia), Autopista (Spagna), Autovisie (Olanda), L’Automobile Magazine (Francia), Stern (Germania) e Vibilägare (Svezia). La giuria quest’anno è presieduta da Rachael Prasher, direttore di Autocar, mentre Hakan Matson, giornalista automobilistico svedese del quotidiano ‘Dagans Industri’, condurrà la votazione finale e proclamerà il modello vincitore.

Modello che impreziosirà – insieme agli altri sei finalisti – la hall di ingresso del Palaexpo di Ginevra per le due giornate destinate alla stampa e agli addetti ai lavori, in cui 10.000 giornalisti di tutto il mondo e di tutti i tipi di testate sono attesi nei sette padiglioni del centro congressi tra l’aeroporto ginevrino e il lago Lemano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se hai gradito questo articolo, clicca per favoreMi piacesulla pagina Facebook di The Horsemoon Post (raggiungibile qui), dove potrai commentare e suggerirci ulteriori approfondimenti. Puoi seguirci anche su Twitter (qui) Grazie.


Save the Children Italia Onlus

John Horsemoon

Sono uno pseudonimo e seguo sempre il mio dominus, del quale ho tutti i pregi e i difetti. Sportivo e non tifoso, pilota praticante(si fa per dire...), sempre osservante del codice: i maligni e i detrattori sostengono che sono un “dissidente” sui limiti di velocità. Una volta lo ero, oggi non più. Correre in gara dà sensazioni meravigliose, farlo su strada aperta alla circolazione è al contrario una plateale testimonianza di imbecillità. Sul “mio” giornale scrivo di sport in generale, di automobilismo e di motorsport, ma in fondo continuo a giocare anche io con le macchinine come un bambino.