Deprecated: Hook custom_css_loaded is deprecated since version jetpack-13.5! Use WordPress Custom CSS instead. Jetpack non supporta più il CSS personalizzato. Leggi la documentazione WordPress.org per scoprire come applicare gli stili personalizzati al tuo sito: https://wordpress.org/documentation/article/styles-overview/#applying-custom-css in /customers/8/8/d/horsemoonpost.com/httpd.www/newsite/wp-includes/functions.php on line 6078 Guerra al jihad, Charlie Hebdo si interroga: “Come siamo finiti a questo punto?” | HORSEMOON POST
In Primo PianoLe opinioni altrui...Opinioni

Guerra al jihad, Charlie Hebdo si interroga: “Come siamo finiti a questo punto?”

Il settimanale satirico transalpino analizza lo stato di auto-sottomissione con cui l’Occidente sta abdicando alla storica missione di interrogarsi, per citare Cartesio, su cosa stia realmente accadendo e su quale sia l’obiettivo reale dell’islamismo politico nascosto in un autocelebrato desiderio di dialogo, alla prova dei fatti fasullo e solo dissimulato

Per una settimana, gli esperti di tutti i tipi hanno cercato di comprendere le ragioni degli attacchi di Bruxelles. Una forza di polizia incompetente? Multiculturalismo sfrenato? Disoccupazione giovanile? Disinibito islamismo? Le cause sono numerose al di là dell’elencazione e ciascuno, naturalmente, sceglierà quello che meglio si adatta alle proprie convinzioni. Fan di “Legge e ORdine” denunceranno la sfiga della polizia. Xenofobi daranno colpa all’immigrazione. Sociologi rimasticheranno sui mali del colonialismo. Urbanisti  indicheranno i mali della ghettizzazione. Fai la tua scelta.

In realtà, gli attacchi effettivamente sono solo la parte visibile di un iceberg molto grande. Sono l’ultima fase di un lungo processo di intimidazione e silenziamento in movimento e su scala più ampia possibile. I nostri nasi sono continuamente strofinati nelle macerie dell’aeroporto di Bruxelles e nelle candele tremolanti tra mazzi di fiori sui marciapiedi. Nel frattempo, nessuno si accorge che cosa sta succedendo a Saint-German-en-Laye.

La scorsa settimana, Sciences-Po* ha accolto Tariq Ramadan. È un insegnante, quindi non è inadeguato. È venuto a parlare del tema di cui è specialista, l’islam, che è anche la sua religione. Un po’ come una lezione di Professore di Torte che è anche pasticcere. Così fa il giudice e il concorrente allo stesso tempo.

Non importa, Tariq Ramadan ha fatto niente di male. Egli non potrà mai fare nulla di male. Insegna sull’islam, scrive sull’islam, trasmette sull’islam. Si propone come uomo di dialogo, uno aperto a un dibattito. Un dibattito sul secolarismo che, secondo lui, ha bisogno di adattarsi al nuovo spazio preso dalla religione nella democrazia occidentale. Un secolarismo e una democrazia che deve anche accettare le tradizioni importate dalle comunità minoritarie. Niente di male in questo.

Tariq Ramadan non prenderà mai un Kalashnikov con cui sparare ai giornalisti in una riunione di redazione. Non preparerà mai una bomba da utilizzare nell’atrio di un aeroporto. Altri faranno tutto questo genere di cose. Non sarà il suo ruolo.

Il suo compito, sotto la copertura del dibattito, è quello di dissuadere le persone dal criticare in alcun modo la sua religione. Gli studenti di scienze politiche che lo ascoltavano la scorsa settimana, una volta diventati giornalisti o funzionari locali, non avranno nemmeno il coraggio di scrivere, né dire nulla di negativo sull’islam. La piccola ammaccatura impressa alla loro laicità quel giorno porterà frutto in una paura di criticare perché non appaiano islamofobi.

Questo è il compito di Tariq Ramadan.

Prendete questa donna velata. Lei è una donna ammirevole. Lei è coraggiosa e dignitosa, dedita alla sua famiglia e ai suoi figli. Perché preoccuparsi di lei? Lei danneggia nessuno. Anche quelle donne che indossano il totale, onnicomprensivo velo in genere non usano il loro abbigliamento per nascondere le bombe (come alcune persone hanno sostenuto, quando la legge per vietare il burqa è stata oggetto di discussione). Anche loro faranno nulla di male. Allora perché continuare a lamentarsi sul fatto che indossino il velo e puntare il dito contro queste donne? Dovremmo tacere, guardare altrove e spostare oltre gli insulti da strada e da taverna. Il ruolo di queste donne, anche se esse lo sconoscono, non va al di là di questo.

La parte visibile di un iceberg molto grande.

Prendere il panettiere locale, che ha appena acquistato il panificio vicino e sostituito il vecchio proprietario, da poco in pensione. Fa buoni croissant. È simpatico e ha sempre un sorriso pronto per tutti i propri clienti. Si è già completamente integrato nel quartiere.

Né la sua lunga barba, né il piccolo segno di devozione sulla fronte (indicativa della sua grande pietà) preoccupano la sua clientela. Sono troppo occupati a ingurgitare i suoi panini all’ora di pranzo. Quelli che vende sono favolosi, ma da ora in poi non c’è più prosciutto né pancetta. Il che è un grosso problema, perché ci sono molte altre opzioni in offerta – tonno, pollo e tutti i contorni. Quindi, sarebbe sciocco lamentarsi o gridare allo scandalo per questo amatissimo panificio. Ci si abitua abbastanza facilmente.

Come Tariq Ramadan ci istruisce utilmente, ci adatteremo. E così il ruolo del fornaio è esercitato.

Prendere questo giovane delinquente. Non ha mai guardato il Corano in vita sua, conosce poco della storia della religione, del colonialismo, né molto circa il paese orgoglioso dei suoi antenati del Maghreb. Questo ragazzo e un paio di suoi amici ordinano un taxi. Non sono eruditi come Tariq Ramadan, non pregano spesso come il panettiere locale e non sono accorti come le madri velate temibili sulla strada. Il taxi si dirige verso l’aeroporto di Bruxelles.

E ancora, in questo preciso momento, nessuno ha fatto niente di male. Non Tariq Ramadan, né le donne in burqa, non il fornaio e neppure questi oziosi giovani birbanti.

Eppure, niente di quanto sta per accadere all’aeroporto o nella metropolitana di Bruxelles può davvero accadere senza il contributo di tutti. Poiché l’incidenza di tutto questo è informato da alcune versioni dello stesso terrore o della stessa paura. La paura di contraddire o di obiettare. L’avversione a causare polemiche. Il terrore di essere trattato come islamofobo o di essere chiamato razzista. In realtà, una specie di terrore. E quella cosa che sta per accadere quando la corsa del taxi si conclude è che un ultimo passo in un cammino di ansia crescente.

Non è facile ottenere che alcuna forma di vero terrorismo proceda senza un clima di muta e generale apprensione precedente.

Questi giovani terroristi non hanno bisogno di accumulare il talento di altri, di essere eruditi, dignitosi o laboriosi. Il loro ruolo è semplicemente quello di fornire la fine di una linea filosofica già iniziato. Una linea che ci dice “Tenere le vostre lingue, vivi o morti. Rinunciate a discutere, dibattere, contraddire o contestare”.

Non si tratta di perseguitare l’Islam in particolare. Per questo non ha alcun avversario. E non è il cristianesimo, l’induismo e non ebraismo impuntato con l’imposizione di questo silenzio. È l’avversario (e protettore) di tutti. È la nozione stessa di secolarismo. Si tratta del secolarismo costretta alla ritirata.

Soprattutto, in un certo senso, questo ci ferma forse dal porre la domanda più antica e più importante del mondo: “Come diavolo sono finito qui?“.

“Come diavolo ho fatto a finire a dover vagare per le strade tutto il giorno con un grande velo in testa?”.

“Come diavolo ho fatto a finire di dover dire le preghiere cinque volte al giorno?”.

“Come diavolo sono finito nella parte posteriore di un taxi con tre zaini pieni di esplosivo?”.

Forse, tristemente, le uniche persone che stanno ancora chiedendo a se stesse questa importantissima domanda sono le sfortunate vittime. “Come diavolo sono finito qui, sei iarde di distanza da quella grossa bomba?“.

Il primo compito del colpevole è la colpa degli innocenti. Si tratta di un capovolgimento quasi perfetto di colpevolezza. Dalla panetteria che ti vieta di mangiare quello che ti piace, alla donna che ti vieta di ammettere che si è turbati dal suo velo, siamo immersi nella colpa di permettere noi stessi questi pensieri.

E questo avviene dove e quando la paura ha iniziato il suo estenuante e indebolente lavoro. E il modo è contrassegnato per tutto ciò che seguirà.

*Sciences Po è un ente di ricerca e di istruzione superiore di élite francese.

ARTICOLO PUBBLICATO IL 30 MARZO 2016 SUL SETTIMANALE ‘CHARLIE HEBDO‘ E DISPONIBILE IN INGLESE QUI ©  CHARLIE HEBDO 2016 (TRADUZIONE DI VINCENZO SCICHILONE)

Se hai gradito questo articolo, clicca per favoreMi piacesulla pagina Facebook di The Horsemoon Post (raggiungibile qui), dove potrai commentare e suggerirci ulteriori approfondimenti. Puoi seguirci anche su Twitter (qui) Grazie.


Save the Children Italia Onlus